Vita da liceale: che stress la scuola, tra equazioni, latino e brufoli

Siamo arrivati a quel periodo dell’anno in cui la mattina sembri l’omino Michelin dalle mille felpe e maglie e maglioni che ti sei messo e quando esci da scuola sembri un facchino della Caritas dai tanti vestiti che hai in mano, legati in vita o arrotolati nello zaino. Siamo anche arrivati a quel periodo dell’anno in cui il mio mento è diventato un albergo a 5 stelle per 73.029.281 brufoli richiamati dal loro amico stress e le mie mani hanno i calli non per la palestra, ma per l’amata penna che tengono di continuo tra le dita.

Ah, penso che mi darò alla yoga e alla meditazione per non impazzire. La scuola è iniziata da neanche un mese e io già penso al Natale, alle vacanze e in autobus mi ascolto “All I want for Christmas is you” di Mariah Carey.

La verità è che ho bisogno di essere organizzata, ho bisogno di ordine in testa (ma dai, pensavo avessi bisogno del caos più totale nella vita, direte voi). Il problema è che, ora che è iniziata la scuola, il tempo per organizzarsi è evaporato nell’aria e ogni giorno mi trovo pagine su pagine da studiare, equazioni su equazioni da risolvere e termini su termini da imparare a memoria dal latino all’inglese.

Per chi non lo sapesse frequento la terza superiore in un liceo scientifico internazionale (ovvero faccio parte delle materie in inglese). E la fantastica routine che avevo in seconda è andata a quel paese, si sono aggiunte materie, esami e professori severi. Per non parlare delle verifiche e delle interrogazioni. Eh, che vita la vita da studente.

La cosa che mi preoccupa è l’energia. No, non sto parlando di fisica, chimica e compagnia bella. Sto parlando del fatto che arrivo a casa alle 14.30 che ho una fame incredibile e, dopo 6 ore continue di lezione in cui stare sempre attenti a prendere appunti, sono stanca morta. L’unica cosa che ho voglia di fare è guardare la serie tv Gossip girl (è una droga, non iniziatelo se dovete studiare, non fate questo errore). Ho molte meno energie e nonostante questo non dimagrisco, anzi.

Ci sarebbe, infatti, la mia amica palestra pronta ad aspettarmi. Per non deluderla ed essere una buona amica mi sono ridotta a studiare e a ripetere sull’ellittica o sul tapirulan.

Mia mamma mi sta convincendo che questo stress da inizio scuola sia solo una questione di testa, allora cara testa per favore ho un appello per te: rilassati e scaccia i brufoli se non vuoi che ti perda nel giro di qualche settimana, bacetti.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto