Roma: incontri segreti di Muraro e Vignaroli col “re della munnezza” Cerroni

È sempre la munnezza ad essere alc entro delle trame che coinvolgono l’assessore Muraro e il Campidoglio. A quanto si è saputo, due giorni fa, Virginia Raggi è andata al palazzo di giustizia per incontrare il capo dell’ufficio Giuseppe Pignatone per conoscere la posizione processuale dell’ex procuratore generale della corte dei conti che aveva scelto al posto di Marcello Minenna.

a-coppiavignaroli

Ma non solo: nuovi sviluppi sono imminenti, perché la commissione d’inchiesta Ecomafie ha aperto un procedimento formale contro il parlamentare dei 5 Stelle Stefano Vignaroli (compagno della senatrice Paola Taverna, facente parte del mini-direttorio di Roma, ora sciolto, i due insieme nella foto sopra) per gli incontri segreti avuti alla fine di giugno per imporre all’Ama di utilizzare gli impianti del ras dei rifiuti Manlio Cerroni, nonostante fossero stati interdetti già da tempo. Ad alcuni di questi incontri era presente anche quella che sarebbe diventata l’assessore all’Ambiente, cioé Paola Muraro, E anche adesso Muraro rischia la contestazione di nuove ipotesi di reato.

Intanto la Raggi ha dovuto mollare De Dominicis

La conseguenza della “gita” della sindaca al Palazzo di Giustizia è che ha dovuto mollare il futuro assessore al Bilancio, De Dominicis. Questa telenovela non finisce mai. Ora si è aperta una sorta di “gara” a quel prestigioso incarico con ben 14 partecipanti.

Poco dopo la conclusione della riunione tra Beppe Grillo e il direttorio nazionale pentastellato, la sindaca su Facebook fa sapere che è al lavoro per un nuovo assessore al Bilancio al posto del magistrato finito nel mirino per le sue relazioni con l’avvocato Sammarco (a sua volta amico di Cesare Previti). Ma poi si è saputo che la Raggi ha dovuto rinunciare perché il futuro assessore al Bilancio era indagato per abuso d’ufficio dalla Procura di Roma. L’avvocato Sammarco, che gliel’ha suggerito, non lo sapeva?

Virginia ha scoperto che non ha i requisiti per l’incarico

“In queste ore – scrive la Raggi su Facebook – ho appreso che l’ex magistrato e già procuratore generale della Corte dei Conti del Lazio in base ai requisiti previsti da M5s non può più assumere l’incarico di assessore al Bilancio della giunta capitolina, per tanto di comune accordo abbiamo deciso di non proseguire con l’assegnazione dell’incarico”.

Ribadito il No alle Olimpiadi

Intanto la giunta capitolina ribadisce il proprio no alle Olimpiadi. “La Giunta Raggi non cambia idea sulla possibilità che Roma organizzi le Olimpiadi tra otto anni e quindi dice no”. Lo spiega all’Ansa una fonte qualificata del Campidoglio. “È previsto – spiega ancora la fonte – che la prossima settimana la sindaca di Roma faccia l’annuncio ufficiale in una conferenza stampa”.

a-direttorio

Nel pomeriggio se n’è andato il direttorio romano

Le dimissioni, intorno al Campidoglio, non finiscono mai. Dopo quelle dei giorni scorsi, bisogna contarne delle altre. Il mini-direttril che avrebbe dovuto tutelare o controllare Virginia Raggi non c’è più.

Tre dei suoi cinque componenti – Paola Taverna, Fabio Massimo Castaldo e Gianluca Perilli – nella foto grande insieme alla Raggi – hanno deciso di dimettersi. Insomma, mentre Grillo riscopre il Vaffa, loro hanno deciso di praticarlo!

 

“Non siamo più necessari per il Campidoglio”

A Roma “la macchina amministrativa è partita ed è giusto che ora proceda spedita. Per questo, riteniamo che oggi il nostro compito non sia più necessario”. Lo annunciano sul blog del M5S i componenti del mini-direttorio romano, Paola Taverna, Fabio Massimo Castaldo e Gianluca Perilli, assicurando che “non faremo mai mancare il nostro sostegno e il nostro contributo” all’amministrazione capitolina. Lo aveva già detto, poche settimane fa, Roberta Lombardi, sbattendo fragorosamente la porta anche lei.

 

a-ataverna

Scoppia il caso sulle mail di Paola Taverna

E poi c’è il caso della mail di Paola Taverna (nella foto sopra). Quelle inviate a Di Maio e che hanno pesantemente coinvolto l’aspirante premier, le ha girate lei ai giornali?

a-guaidimaio06

L’agguerrita Taverna nega e minaccia: “Ho già provveduto a far smentita pubblica a chi si è permesso di dire che sono stata io a passare mail ed sms alla stampa e sono pronta a querelare chiunque lo affermi nuovamente! CHIARO?????? Il movimento 5 stelle è la mia vita e per quello che è in mio potere lotterò fino alla fine per veder realizzato quel sogno. Non riuscirete a metterci gli uni contro gli altri e chi oggi sta facendo certe insinuazioni definendosi uno del 5 stelle può trovare altra collocazione”, scrive la senatrice M5s su Facebook.

La Raggi: non mollo

Stamattina, quando la sindaca Virginia Raggi ha partecipato alle celebrazioni dell’8 settembre con il presidente Mattarella, ha risposto “non mollo”, sorridendo, ad un cittadino che la esortava. E c’era da dubitarne?

 

I carabinieri del Noe sequestrano documenti a Rocca Cencia

Intanti, vi sono state nuove acquisizioni di documenti effettuate questa mattina dai carabinieri del Noe nell’ambito di uno dei filoni della maxi-inchiesta della Procura di Roma sullo smaltimento dei rifiuti e che vede coinvolta l’assessore all’Ambiente, Paola Muraro. I militari, presso una sede dell’Ama, hanno portato via materiale riguardante il sito di smaltimento di Rocca Cencia.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto