Canada: “Dovevi chiudere le gambe”, a processo giudice che umiliò vittima di stupro

“Se non volevi essere penetrata, perché non hai provato ad abbassare il sedere o a chiudere le gambe tenendo unite le ginocchia?” La scioccante domanda l’ha rivolta un magistrato della Corte federale canadese a una ragazza di 19 anni vittima di uno stupro. Il giudice si chiama Robin Camp che ha assolto l’imputato proprio perché la giovane non ha impedito la violenza sessuale.

aaagiudice2

Il magistrato rischia il licenziamento

Ma ora potrebbero esserci della conseguenze perché il magistrato finisce sotto processo (rischia anche il licenziamento) dopo la denuncia di 4 professori di diritto della Dalhousie University e della University of Calgary. Secondo i docenti, il giudice ha manifestato un comportamento “sprezzante, se non proprio di disprezzo” calpestando le leggi contro la violenza sessuale.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto