Olio di palma: “I pericoli erano noti da 12 anni”

I pericoli per la salute rappresentati dall’olio di palma, segnalati nei giorni scorsi dall’Efsa (Autorità europea per la sicurezza alimentare), e denunciati da consumatrici.it anche a Mi manda Rai Tre, erano noti alle multinazionali da almeno 12 anni. Lo denuncia Dario Dongo (nella foto sotto), avvocato esperto di sicurezza alimentare e fondatore del portale Great italian food trade.

aaaadongo

“I big food hanno pensato solo ai profitti”

“Basta una breve ricerca sul web per scoprire che ‘Big Food’ aveva esatta conoscenza dei pericoli associati al consumo di olio di palma”, dice Dongo, autore insieme al Fatto alimentare della petizione contro il palma negli alimenti, e che attraverso documenti ufficiali ricostruisce il palma-leaks. “E tuttavia, all’insegna del maggior profitto ne ha incrementato l’utilizzo. Raddoppiandolo in pochi anni”.

aaaaaanuovamarta

Nel pomeriggio se n’è parlato a Tv2000

Si è tornati a parlare di olio di palma oggi, martedì 10 maggio, all’interno della trasmissione Siamo Noi di Tv 2000 (canale 28 del digitale terrestre e 140 di Sky). Si parte da una domanda: “Il consumo nel campo alimentare è davvero cancerogeno per la salute?” e a rispondere c’eramo Marta Strinati (nella foto qui sopra) di Great Italian Food Trade, oltre che collaboratrice di Consumatrici.it.

Con lei in studio anche Mirella Elia, biologa nutrizionista e in collegamento da Casalecchio di Reno (Bologna) Maura Latini, direttore generale Coop Italia (nella foto in basso).

aaamaura

Coop elimina l’olio di palma da tutti i suoi prodotti

Via l’olio di palma da tutti i prodotti alimentari a marchio Coop. La decisione arriva dopo la pubblicazione del dossier Efsa, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, che lancia l’allarme su componenti contaminanti dell’ingrediente. E Coop, alla luce anche della richiesta del ministro della Salute Beatrice Lorenzin di un approfondimento urgente al commissario europeo per la salute e la sicurezza alimentare Vytenis Andriukaitis, ha deciso di procedere in base al “principio di precauzione”.

Già ritirato dalle destinate ai più piccoli

Centoventi sono gli alimenti interessati dalla novità e l’olio di palma sarà sostituito da extravergine di oliva o olii monosemi se segue quanto aveva già fatto con un centinaio di “prodotti delle linee destinati ai bambini ‘Crescendo’ e ‘Club 4-10’, così come i prodotti della linea ‘Viviverde’ e la crema spalmabile Solidal Coop”, ha scritto l’azienda in una nota.

Nel giro di qualche mese la sostituzione completa

La rivoluzione sarà pienamente operativa dopo nel giro di alcuni mesi. Per questo, fa sapere ancora Coop, “ci scusiamo con i clienti e i soci per le mancanze temporanee di alcuni prodotti nei nostri punti di vendita”.

 

Tutti i capi d’accusa a Mi manda Rai 3

L’olio di palma contiene sostanze cancerogene. A dare la notizia è l’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che lancia un allarme sui rischi per la salute dei consumatori, in particolare di bambini e adolescenti, più esposti alla sostanza, attraverso margarine, dolci e torte. E rilancia il dibattito sull’olio (o grasso) di palma, finora considerato pericoloso soprattutto a causa dell’eccessiva quantità di grassi saturi che veicola attraverso i tanti prodotti alimentari che lo contengono.

Se ne è parlato anche ieri mattina a Mi Manda Rai Tre, la trasmissione condotta da Elsa Di Gati.

aaamarta

Per consumatrici.it ha partecipato Marta Strinati (a sinistra), l’autrice dell’articolo seguente, che ha fatto valere gli argomenti che illustra qui, mentre per l’Unione olio di palma sostenibile è intervenura Francesca Ronca (a destra di chi guarda) apparsa abbastanza in difficoltà nella difesa del prodotto da tempo contestato.

aaaelsa

 

Olio di palma: i tre contaminanti

di Marta Strinati

Le sostanze tossiche analizzate dall’Efsa sono tre. Si tratta di contaminanti a base di glicerolo che rimangono negli oli vegetali raffinati ad alta temperatura (200 gradi). Si trovano in tutti gli oli vegetali ottenenuti con questo processo industriale, ma la maggiore quantità si trova nell’olio di palma, afferma l’Efsa in un corposo dossier scientifico.

Presente in moltissimi prodotti alimentari
L’olio di palma è presente in una grandissima quantità di prodotti alimentari.

Si trova quasi sempre in merendine, biscotti, cracker, grissini, pane a cassetta e tanti altri prodotti da forno.

È largamente presente nei piatti pronti, e viene impiegato in ristoranti, pizzerie e friggitorie per friggere. Persino nei dadi compare il grasso tropicale ottenuto dalla palma, come emerge nel test comparativo condotto da consumatrici.it su 36 dadi, tra cubetti, granulari, liquidi e mousse.

 

Il GE, il più pericoloso
Dei tre composti che hanno fatto lanciare l’allarme in Efsa, i GE (glicidil esteri degli acidi grassi) sono i più pericolosi. Helle Knutsen, presidente del gruppo di lavoro Contam dell’Efsa, ha dichiarato senza mezze misure: “Ci sono evidenze sufficienti che il glicidolo (prodotto dalla digestione del GE, ndr) sia genotossico e cancerogeno”.
La pericolosità di questo composto – presente in quantità doppia nei prodotti industriali fino al 2015 – non consente di prevedere una soglia massima di esposizione. Semplicemente, deve essere eliminato.

 

aaaaaaoliopalma

Più a rischio i bambini
Secondo l’Efsa, i GE sono una minaccia alla salute di tutti i consumatori ma le fasce di età più a rischio riguardano i più piccoli. In particolare, per i bambini nutriti solo con alimenti per lattanti è vero allarme: la loro esposizione è fino a 10 volte superiore a quella che produce lieve preoccupazione per la salute pubblica.

Gli altri due contaminanti
Per gli altri due contaminanti più presenti nell’olio di palma che negli altri oli vegetali e nelle margarine, l’Efsa ha cercato di calcolare il livello di esposizione della popolazione. Per uno di essi – 3-MCPD (3-monocloropropandiolo) – ha valutato un livello eccessivo, superiore ai limiti di sicurezza, per i minori di 18 anni e ha pertanto fissato una dose giornaliera tollerabile di 0,8 microcrammi per kg di peso al giorno. Per limitare questo contaminante, sottolinea l’Efsa, l’industria non ha fatto nulla, i livelli sono gli stessi dei precedenti 5 anni.
Per l’altro composto – 2-MCPD (2-monocloropropandiolo) – non vi sono sufficienti informazioni per stabilire un livello di sicurezza, ma l’esposizione è identica al suo omonimo preceduto dal 3.

Importanti le etichette
Imparare a leggere le etichette per scartare i prodotti con olio di palma sembra insomma l’unico accorgimento utile per proteggere la propria salute e quella dei bambini.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto