Genova, il giudice dà ragione alla candidata sospesa e lei: “Ora voglio vedere Grillo”

Il giudice Roberto Braccialini ha dato ragione a Marika Cassimatis, la candidata del Movimento 5 stelle vincitrice delle Comunarie per la candidatura a sindaco di Genova e poi “scomunicata” da Beppe Grillo. Il magistrato dunque ha sospeso l’esclusione della lista. La Cassimatis e la sua lista erano stati bocciati da Grillo per alcuni like a commenti di fuoriusciti dal Movimento come il sindaco di Parma Pizzarotti e il consigliere comunale di Genova Putti, “quando erano ancora nel Movimento” si è difesa la professoressa. Cassimatis nei giorni scorsi è stata sospesa dal Movimento.

A rischio la presenza dei candidati M5S

La decisione del tribunale civile di Genova complica la situazione in casa Cinque Stelle perché di fatto annulla tutto: l’esclusione della professoressa e la possibilità che a rappresentare il M5S sia Luca Pirondini, lo sconfitto da Cassimatis, ma vincitore delle Comunarie bis indette da Grillo con voto on line in tutta Italia svolte dopo l’annullamento delle Comunarie del 14 marzo vinte da Cassimatis. A questo punto il rischio è che il Movimento non abbia candidati alle elezioni a Genova.

No anche al rispescaggio di Pirondini

Il giudice ha sospeso anche il “ripescaggio” della lista di Luca Pirondini (nella foto sopra). Il tribunale civile ha dunque accolto tutto il ricorso d’urgenza presentato dagli avvocati Lorenzo Borrè e Alessandro Gazzolo. La professoressa ha commentato su Facebook “Abbiamo vintoooooooo!”.

“Ora un chiarimento con Grillo”

Altri commenti sono arrivati ai media. All’agenzia AdnKronos la (di nuovo) candidata h dichiatao: “La conferma c’è stata, abbiamo vinto su tutti i fronti, hanno accolto tutte le nostre richieste e siamo soddisfatti, siamo contenti ed è stata una battaglia per la libertà di espressione. Ora sono io la candidata sindaca”. Inoltre al Tgcom è stato detto: “Siamo molto contenti per questa vittoria e spero che ci sia un incontro di chiarimento con lo staff e con Beppe Grillo”. Ancora nessun commento ufficiale del M5S.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto