Nelle ossa c’è l’ormone che frena l’appetito: prospettive per obesità e diabete

Scoperto nelle ossa un ormone che spegne l’appetito agendo direttamente sul cervello e che potrebbe divenire un nuovo alleato nella lotta a obesità, disfunzioni metaboliche e diabete. Reso noto sulla rivista Nature, è il risultato di un team di ricercatori della Columbia University Medical Center (Cumc) tra cui l’italiano Antonio Maurizi.

La funzione endocrina

L’ormone si chiama lipocalina 2 ed è solo l’ultima delle molecole con funzione ormonale scoperte nelle ossa. Queste non hanno solo funzione di sostegno; sono stati proprio gli scienziati della Columbia University, a partire da alcuni anni fa, a pubblicare una serie di ricerche in cui veniva dimostrata l’importante funzione endocrina (ossia di produzione ormonale) delle ossa.

Agisce sull’ipotalamo

Nel nuovo lavoro gli scienziati hanno isolato la lipocalina 2 e visto che è una molecola in grado di superare la barriera emato-encefalica (il muro di cinta microscopico che protegge il cervello da incursioni pericolose attraverso il sangue) e agire direttamente nell’ipotalamo, dove è localizzato il centro di controllo dell’appetito.

Risultati su pazienti con diabete 2

Gli esperti hanno visto nei topolini che la lipocalina 2 controlla e tiene a bada l’appetito. Poi in esperimenti su pazienti con diabete 2, gli scienziati hanno visto che minore è la concentrazione sanguigna di lipocalina 2, più questi pazienti risultano obesi e con difficoltà a gestire la malattia, a tenere sotto controllo nel lungo termine la quantità di zucchero nel sangue. La lipocalina 2 risulta dunque essere una molecola promettente per nuove cure contro obesità e diabete.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto