Cagliari: adescava bambini usando i videogiochi, primo arresto del genere in Italia

Ha adescato, utilizzando le chat presenti nelle piattaforme delle consolle di videogiochi, due bambini di appena dieci anni: prima ha conquistato la loro amicizia, poi ha chiesto che gli inviassero foto nudi o in cui mostravano le parti intime, ma è stato scoperto. Un ventottenne residente a Cagliari è stato arrestato dagli agenti del compartimento della polizia postale di Cagliari, coordinato dal dirigente Francesco Greco.

Due mesi di indagini

Le accuse sono di detenzione di materiale pedopornografico, pornografia minorile e adescamento di minorenni. È la prima volta in Italia che viene arrestato un uomo che utilizzava le chat delle consolle per adescare minori e recuperare materiale pedopornografico. L’attività investigativa, è iniziata 2 mesi fa a seguito delle denunce delle mamme dei due bambini. Si erano accorte che i loro figli intrattenevano conversazioni tramite la consolle, con una persona che chiedeva loro l’invio di foto.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto