Hannah Cunliffe sui 100 metri per l’Italia alle Olimpiadi (trisnonni di Cosenza)?

Hannah Cunliffe ha tempi sui 100 metri che la collocano trale prime sprinter al mondo (non a caso è stata quarta ai mondiali juniores). Possibile che sia in pista con l’Italia alle prossime Olimpiadi? In realtà la velocista era a tutti gli effetti una cittadina Usa (è nata A Seattle il 9 gennaio del 1996) finché non ha deciso di chiedere la cittadinanza italiana al consolato di san Francisco.

Probabilmente Hannah (qui nella sua pagina Facebook) con la nazionale Usa non riuscirebbe a superare i trials e ad andare a correre a Rio. Con l’Italia le cose stanno diversamente.

aaaaaa-hannadue

Quei trisnonni di Figline Vagliaturo

Fanno comodo, a questo punto, Giovanni Manza e Giulia Rende, italianissimi trisnonni di Figline Vagliaturo, un paesino di poco più di mille abitanti, in provincia di Cosenza. Giovanni Giovanni e Giulia sono emigrati negli Stati Uniti all’inizio del Novecento, ma oggi quell’ascendenza potrebbe far comodo.  “La pratica è al consolato di San Francisco – conferma il presidente del Coni, Giovanni Malagò -. È una corsa contro il tempo. Ho chiesto aiuto al ministero degli Esteri”.

Hannah corre i 100 metri in 10”99, i 200 in 20”49. Nei 200 è stata quarta ai Mondiali juniores del 2013. Per un raffronto occorre ricordare che i primati italiani dei 100 e dei 200 metri appartengono a Manuela Lavorato, rispettivamente con 11”14 e 22”60. Con la cittadinanza italiana, potrebbe essere una delle velociste di punta della spedizione olimpica.

Forse già in pista per l’Italia agli europei

Addirittura potrebbe essere già in pista ai prossimi europei di Amsterdam dal 6 al 10 luglio, che sono un test in vista di Rio. “Non deve salvare la patria – puntualizza, con molta ipocrisia, il presidente della Federazione italiana di atletica leggera (Fidal) Alfio Giomi -, tuttavia entrerebbe a far parte in un team già di grande spessore”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto