Infezioni vaginali: in una donna su 3 sono causate da carenza di vitamina D

Infezioni vaginali più probabili anche in età fertile se c’è carenza di vitamina D arrivando a colpire una donna su 3. Ma per prevenire le vaginiti, non bastano integratori: occorre esporsi al sole e scegliere un’alimentazione adatta che comprenda pesci grassi come salmone e sgombro, uova, latte e derivati.

aaapescigrassi

Il primo studio sulle donne in gravidanza

Secondo una ricerca dei ginecologi dell’università di Pittsburgh condotta su circa 500 donne in gravidanza, sono stati analizzati i livelli di vitamina D e la relazione con la vaginosi batterica, tra le infezioni più comuni: quelle carenti erano il 93%. A questo risultato, si aggiunge quello di un’altra ricerca.

Il secondo studio per prevenire le recidive

Stavolta è stata condotta dai ricercatori del Wexner Medical Center della Ohio State University su 100 donne per ridurre le recidive. Da qui, come si legge sull’American Journal of Obstetrics and Gynecology, si vede come non siano efficaci i supplementi di vitamina D e nonostante ciò l’infezione può ripresentarsi entro 6 mesi.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto