Grey’s Anatomy: ecco l’ultima scena del dottor Shepherd (spoiler e video)

Il dottor Stranamore, nelle ormai 11 stagioni di Grey’s Anatomy, sembrava un personaggio destinato a rimanere fino alla fine. Eppure il neurochirurgo Derek Shepherd, interpretato dall’attore Patrick Dempsey, è uscito di scena nell’ultima puntata andata in onda negli Stati Uniti e la sera dell’8 giugno anche in Italia.

L’ideatrice della serie, Shonda Rhimes, l’aveva detto: “Preparatevi all’episodio che l’America non dimenticherà mai”. E, a giudicare dalla reazione sui social network, ha avuto ragione.

aaaaaaellen

Spoiler: l’episodio “Come salvare una vita”

Si intitola “How to save a life”, come salvare una vita, l’episodio in cui Shepherd-Dempsey arriva sul luogo in cui c’è stato un incidente stradale e si dà da fare per scongiurare il decesso delle persone coinvolte. Un eroe, insomma, destinato a essere coinvolto a propria volta in uno scontro che risulterà fatale poco dopo. Nella riproposizione di un’uscita di scena vista spesso anche in altri serial da ER in avanti, il dottor Stranamore arriva più morto che vivo in ospedale e, mentre guarda da fuori se stesso, sottoposto a pratiche di pronto soccorso che non condivide e che si rivelano letali, assiste ai propri ultimi istanti di vita.

Niente disperazione e colonna sonora coinvolgente

Alla moglie, la dottoressa Meredith Grey (l’attrice Ellen Pompeo), non rimane che prendere l’unica decisione possibile: lui è ormai in morte cerebrale e lei, allora, stacca le macchine mentre il brano Chasing Cars degli Snow Patrol fa da colonna sonora alle immagini. Nessuna scena di disperazione segue la morte di Derek, ma solo una carrellata di momenti tratti dalle 10 serie precedenti e che ripercorrono la vita trascorsa di Meredith.

I fan su Twitter non si danno pace

La reazione dei fan in rete, soprattutto su Twitter è stata più marcata rispetto a quella della dottoressa Grey. C’è chi ha scritto che “non ho più occhi per piangere”, “non credo che proverò mai più felicità, la mia anima è distrutta” oppure “non ho avevo più pianto così dal finale di Friends”. Ma c’è chi non ha apprezzato la scelta della produzione, con la quale Patrick Dempsey era entrato in rotta scontrandosi con la stessa Shonda Rhimes (in questa serie, infatti, si era visto poco rispetto al passato): “Dieci anni di fedeltà a una delle migliori serie in onda e me l’hanno rovinata in 60 minuti” e ancora, contando i decessi dall’inizio a oggi, “credo che il Seattle Grace detenga il record per il maggior numero di dipendenti morti”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto