Internazionali di Roma: Donati e Fabbiano nel main draw, Mager ko

Thomas Fabbiano ha conquistato la qualificazione al tabellone principale degli Internazionali BNL d’Italia del Foro Italico. Nel turno decisivo il pugliese di Grottaglie ha battuto per 7-6, 6-3 il diciasssttenne talento russo Andrey Rublev. È la seconda volta che Fabbiano, numero 206 Atp, conquista un posto nel main draw romano: era già accaduto nel 2008. Ma poi Thomas perse all’esordio contro il francese Mahut. Stavolta, con la maturità dei 26 anni, Tommy può ambire a fare qualcosa di meglio.

aaaathomas

Da un paio di mesi Fabbiano (nella foto) sta giocando un ottimo tennis, il migliore della sua carriera, perchè riesce a vedere le situazioni con maggiore lucidità. E adesso chissà che l’urna non possa regalargli un primo turno abbordabile..

 

Nel tabellone principale anche Donati

Sul palcoscenico del Centrale, alla sua prima partecipazione al main draw di un Atp, per giunta a Roma, Matteo Donati, ventenne piemontese di Alessandria, numero 275 Atp (per lui wild card ottenuta attraverso le pre-qualificazioni), ha sconfitto per 2-6 6-1 6-4 il colombiano Santiago Giraldo, numero 49 Atp, mai affrontato prima. Matteo ha cominciato a mettersi in evidenza a certi livelli soltanto un mese fa raggiungendo la finale del challenger di Napoli.

Al secondo turno Donati sfiderà il ceco Tomas Berdych, sesta testa di serie e numero 7 Atp (nessun precedente) ma piemontese nettamente sfavorito.

 

Mager invece resta fuori

Quella contro Marsel Ilhan è la classica sconfitta da cui si possono trarre buone indicazioni. Gianluca Mager fallisce l’accesso al main draw. È finita 6-4 7-5 in un match che ha evidenziato i vizi e le virtù del ligure, capace di straordinari picchi di rendimento ma ancora acerbo sotto tanti aspetti e che è uscito, comunque, tra gli applasi.

 

I big presto in campo al Foro Italico

Mentre i tennisti che non hanno una buona classifica cercano la qualificazione, i big hanno ancora qualche ora per prepararsi all’ultimo grande appuntamento sulla terra battuta prima del Roland Garros, gli Internzaionali BNL d’Italia. Un torneo strepitoso dove si avrà modo di ammirare i migliori giocatori del tennis mondiale: Roger Federer, Novak Djokovic, Rafael Nadal, Serena Williams e Maria Sharapova. E poi la nutrita pattuglia dei tennisti italiani, che proveranno a fare lo sgambetto ai grandi favoriti della vigilia.

Ieri, intanto, sono stati sorteggiati i tabelloni e non a tutti i nostri portacolori la fortuna ha dato una mano. Fabio Fognini, numero uno d’Italia, se la vedrà con lo statunitense Steve Johnson, per poi affrontare in un ipotetico secondo turno il bulgaro Grigor Dimetrov, che ha lo ha battuto sia a Montecarlo (piuttosto nettamente) sia a Madrid (in una partita lottata, finita 7-5 al terzo set). Simone Bolelli se la vedrà con la giovane promessa austriaca Dominic Thiem. Resta a casa invece Andreas Seppi, fermato da un problema fisico.

Atteso l’esordio di Luca Vanni

Luca Vanni, tennista non abituato a questi palcoscenici, ma che ultimamente sta giocando un gran tennis (ha battuto Tomic a Madrid), ha ottenuto una wild card – un invito – dagli organizzatori (meritata visto gli ultimi risultati) ed affronterà al primo turno lo spagnolo Nicolas Almagro. In caso di vittoria sarebbe chiuso – miracoli a parte –  da Novak Djokovic; stesso discorso per Paolo Lorenzi, non in ottime condizioni fisiche, che al primo turno ha pescato Pablo Cuevas per poi giocare con Roger Federer.

E poi ci sono Federico Gaio e Matteo Donati, entrati in tabellone perché vittoriosi di un minitorneo di qualificazione fatto apposta per concedere due wild card. Entrambi sono stati sorteggiati con due specialisti della terra, il primo affronta l’argentino Leonardo Mayer, il secondo il colombiano Santiago Giraldo, molto amato da pubblico femminile per la sua avvenenza (decisamente superiore al suo talento).

 

Tra le donne tabellone difficile per Sara Errani e la Pennetta

Tra le donne tabellone difficile per Sara Errani, finalista l’anno scorso, che affronta al primo turno la slovacca Daniela Hantucova, un test che dovrebbe superare facilmente. Probabile ottavo con Serena Williams, con la quale ha sempre perso in modo netto, tranne che nel corso dello spareggio per rimanere nel girone di seria A di Fed Cup contro gli Stati Uniti, dove Sara si è arresa solo al terzo set. Poi le italiane hanno comunque condannato le americane alla serie B.

Sara è la nostra migliore interprete sulla terra battuta, purtroppo ha nel servizio un’arma troppo debole per poter sperare di battere Serena. Incrociamo le dita.

 

Elina Svitolina, avversaria in ascesa

Non un’avversaria facile per Flavia Pennetta, fidanzata recente ma innamoratissima di Fabio Fognini, scesa un po’ in classifica per via dei punti in uscita di Indian Wells a Marzo, dove non è riuscita a difendere il prestigioso titolo vinto l’anno precedente. Per lei una tennista in forte ascesa, l’ucraina Elina Svitolina, numero 21 del ranking. I precedenti dicono 1-0 per la nostra, ma la Svitolina di oggi non è certo quella che Flavia incontrò due anni fa a Strasburgo. In più la terra battuta non esalta il gioco della pugliese, che si esprime decisamente meglio sul cemento. È chiaro che la Svitolina  – non molto esperta, visto l’età – dovrà reggere la pressione di avere tutto lo stadio contro. Flavia però quest’anno ha già battuto avversarie di volore, come Kerber, Azarenka e Sharapova (ma sempre sul cemento).

 

Il derby italiano Knapp-Schiavone

Derby per Karin Knapp e Francesca Schiavone (favorita la prima, mentre Francesca sembra oramai al capolinea, quest’anno ha vinto veramente poco), Camila Giorgi ha pescato J.J, Jelena Jankovic, non un turno facile ma con Camila niente è scontato visto il gioco così aggressivo che è in grado di esprimere. Una di quelle giocatrici in grado di regalare un mach all’avversaria per i troppi errori, oppure devastarla a suon di colpi vincenti. Certo su questa superficie un gioco più conservativo di quello che esprime la Giorgi in genere paga di più.

 

Buon sorteggio per Roberta Vinci

Buono il sorteggio di Roberta Vinci, in ripresa dopo l’infortunio alla spalla e il divorzio (tennistico ovviamente) da Sara Errani nel doppio. La tarantina – che ha giocato un buon torneo a Madrid – sconfiggendo Puig e Cornet – se la vedrà con la britannica Heather Watson. Infine Nastassja Burnett, entrata intabellone come Gaio e Donati, grazie alla vittoria del torneo per ottenere un accesso diretto in tabellone, se la vedrà con Magdalena Rybarikova. Non un turno impossibile visto i tanti infortuni che stanno condizionando la tennista slovacca.

Domani iniziano gli incontri del tabellone principale

Da domani i primi incontri del tabellone principale. Tutto è pronto per sfidare i favoriti del ranking, Novak Djokovic, quest’anno in forma strepitosa, e Serena Williams, che ha perso la prima partita di questo 2015 solo due giorni fa al torneo di Madrid per mano di Petra Kvitova.

Per informazioni sul programma giornaliero e i biglietti
www.internazionalibnlditalia.com

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto