Sanremo: parte stasera il 65° Festival (le infografiche)

Poche ore alla competizione musicale più famosa della musica italiana. Da stasera, martedì 10 febbraio, a sabato Rai Uno trasmette il 65° Festival di Sanremo, uno dei programmi più longevi e più criticati della nostra televisione. Sanremo 2015 è il primo Festival targato Carlo Conti,  in  veste  di  direttore  artistico  e conduttore.

Ad accompagnarlo sul palco dell’Ariston Arisa ed Emma, che per la prima volta salgono su quel palco non in veste di cantanti, e la modella spagnola Rocio

Munoz Morales, che i più attenti lettori dei rotocalchi conoscono già come la compagna di Raoul Bova (i due sono insieme nella foto in basso).

aaaaarocho

Grandi ritorni e novità

Tra ritorni e novità sono venti i Campioni in gara. Tra questi Malika Ayane, una delle voci più attese, Alex Britti, vincitore nel 1999 con “Oggi sono io”, Nesli, Nina Zilli, Anna Tatangelo e Raf, che torna dopo ben ventiquattro anni. La gara delle Nuove Proposte avrà, invece, per protagonisti otto cantanti.

Tra gli ultimi ospiti annunciati il comico Panariello e gli Spandau Ballet. Nella prima serata salirà sul palco anche il dottor Pulvirenti, il medico che si è salvato dall’ebola.

4 campioni verso l’eliminazione

Tra le novità di quest’anno l’eliminazione nella quarta serata di 4 Campioni, le sfide uno contro uno delle Nuove Proposte. Le canzoni saranno giudicate dal pubblico a casa attraverso il televoto, da tre giurie, quelle della stampa, degli esperti e quella demoscopica. Sarà possibile esprimere la propria preferenza anche in una sezione dedicata sul sito del Festival dove si potrà votare per Campioni e Nuove Proposte quando i conduttori daranno il via alle sessioni di voto.
Tutto cambia affinché nulla cambi. Sembra che la frase gattopardesca si addica alla perfezione al Festival. Passano gli anni, cambiano le mode, i conduttori e le canzoni, ma ci sono cose di Sanremo che non cambiano mai. Ecco una piccola guida per affrontare le prossime cinque serate.

 

INFOGRAFICA

I presentatori del Festival.


 

La prima valletta nel 1955

 

Bionde o brune, famose o sconosciute, maggiorate o top model, quelle che un tempo erano definite in maniera un po’ tranchant vallette, oggi sono le co-conduttrici. Scorrendo l’albo del Festival dobbiamo risalire al 1955 per rintracciare la prima valletta. Si tratta di Maria Teresa Ruta, annunciatrice tv e zia dell’omonima conduttrice ben più famosa a cavallo degli anni ‘80 e ‘90. Poi nel corso degli anni su quel palco sono passate Marisa Allasio, Laura Efrikian, Elsa Martinelli, Sabina Ciuffini fino alle starlette degli anni più recenti.

 

INFOGRAFICA Gli ascolti televisivi del Festival nella storia.  

 

Grande attesa per Albano e Romina e Conchita Wurst

Questo capitolo è una specie di Festival nel Festival. Ci sono state edizioni con fior di ospiti al punto che qualcuno ha detto che erano più bravi di quelli in gara. È una delle cose più difficili da far conciliare con la gara. Quest’anno vedremo, tra gli altri, Al Bano e Romina, Conchita Wurst, Tiziano Ferro. Il capitolo ospiti va spesso a braccetto quello delle polemiche. Non c’è Festival, infatti, che non sia preceduto da discussioni sugli ospiti, appunto, sui vestiti, sui compensi dei conduttori.

 

Sanremo sempre più social

I telespettatori che non possono fare a meno di seguire Sanremo in tv o alla radio possono scegliere il web. Tutte le sere  la diretta del Festival sarà preceduta da un Pre-Festival e soprattutto sarà seguita dal #Dopofestival, entrambi in esclusiva web, sul sito della manifestazione. Sanremo è anche social: i profili ufficiali su Facebook e su Twitter racconteranno le diverse fasi del Festival, condivideranno contenuti esclusivi e coinvolgeranno gli utenti, come ad esempio con #GuardoSanremo che inviata a scattare un selfie durante il Festival e a condividerlo oppure con #Ask, e domande degli utenti agli artisti ospiti dell’after show.

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto