Temporali al Centro-Sud, termometro in picchiata

Termometri su e giù. Ma fa ancora freddo sull’Italia, in particolare di notte e di mattina presto, quando si registrano valori sottozero, soprattutto sulle pianure del Nord e in alcune aree interne del Centro. E se i termometri provano a risalire verso valori meno rigidi, il tentativo andrà a buon fine solo per pochi giorni: da lunedì 7 gennaio freddo e gelo sono tornati a farsi sentire.

iLMeteo.it avverte che nella giornata di oggi, mercoledì 9 gennaio, avremo rovesci e temporali ancora frequenti al Centro-Sud, con neve a quote collinari. Interessati soprattutto il medio versante adriatico e i settori meridionali del Paese. Ancora instabilità sulle stesse aree nella giornata di giovedì. Le temperature tenderanno dunque nuovamente ad abbassarsi, non solo sulle regioni centro-meridionali, ma anche su quelle settentrionali.

Discesa dall’estremo Nord

Con la nuova settimana, inoltre, specialmente fra mercoledì 9 e giovedì 10, l’alta pressione tornerà a ritirarsi verso Ovest, muovendo il suo baricentro anche verso Nord e innescando la discesa di nuove masse d’aria molto fredda verso il nostro Paese. Vediamo nel dettaglio.

Da martedì il tempo peggiora

Infatti già oggi, martedì 8 gennaio, le condizioni del tempo sono in peggioramento a causa dell’arrivo di nuovo vortice depressionario in rapida discesa dal Nord Europa: le regioni più colpite da questa nuova sciabolata artica saranno di nuovo quelle centro-meridionali, con piogge e temporali localmente intensi specie sui settori tirrenici tra Lazio, Campania e Calabria.

Mercoledì

Mercoledì torneranno ad imbiancarsi gli Appennini, inizialmente al di sopra dei 1.000 metri e poi, in calo, nella giornata di mercoledì fino agli 800 metri. Attenzione, ricorda il sito IlMeteo.it, “il ciclone andrà attiverà forti venti occidentali, con raffiche fino ad oltre 80 chilometri orari sulla Sardegna e sul basso Tirreno”.

Giovedì

Infine giovedì 10 gennaio, rovesci e temporali tra Campania, Puglia, Basilicata e Calabria. La quota neve è prevista in ulteriore calo, fino a quote collinari, specie sulle aree interne della Campania. Rimarrà invece ancora ai margini il Nord, dove avremo una prevalenza di sole per buona parte della prossima settimana e precipitazioni quasi assenti.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto