La Consulta: i figli potranno avere solo il cognome della mamma

Storica decisione dlela Corte costituzionale. I figli potranno avere anche il solo cognome della mamma.

La Consulta ha dichiarato incostituzionale l’automatica attribuzione del cognome paterno prevista dall’attuale sistema normativo, quando i genitori intendono fare una scelta diversa. Relatore l’ex presidente del Consiglio e minsitro, Giuliano Amato (nella foto sotto).

La decisione della Corte costituzionale

“La Corte costituzionale – sottolinea una nota della Consulta – ha accolto oggi la questione di legittimità costituzionale sollevata dalla Corte di appello di Genova sul cognome del figlio. La Corte ha dichiarato l’illegittimità della norma che prevede l’automatica attribuzione del cognome paterno al figlio legittimo, in presenza di una diversa volontà dei genitori”.

a-amatogiuliano

Il ricorso di una coppia italo-brasiliana

La grande novità è dovuta a un ricorso di una coppia italo-brasiliana residente a Genova che aveva chiesto di poter registrare il proprio bambino con il doppio cognome. Sia in virtù di un concetto di parità, ma anche per armonizzare la condizione anagrafica del piccolo, che ha la doppia cittadinanza, tra il Brasile dove è identificato con il nome materno e paterno, e l’Italia dove ha soltanto il cognome del padre. Ma la richiesta della coppia – assistita dall’avvocata Susanna Schivo – era stata respinta per quella ‘norma implicita’ secondo la quale ai figli nati nel matrimonio va attribuito soltanto il cognome paterno (diverso il caso delle coppie di fatto, dove il bimbo se non viene subito riconosciuto dal genitore, ha automaticamente il nome della madre).

Il relatore della sentenza rivoluzionaria è stato Amato

Ora sarà necessario attendere il deposito della sentenza, relatore – come detto – il giudice Giuliano Amato, ex presidente del Consiglio e ministro, per capire quali siano le motivazioni della Corte alla base della decisione presa oggi.

Già nel 2006 la Consulta aveva trattato un caso simile, in cui si chiedeva di sostituire il cognome materno a quello paterno: in quell’occasione i ‘giudici delle leggi’ pur definendo l’attribuzione automatica del cognome del papà un “retaggio di una concezione patriarcale della famiglia”, dichiarò inammissibile la questione sottolineando che spettava al legislatore trovare la strada risolutiva, ma fino ad oggi, non è stata varata ancora alcuna legge sul tema. Supplisce quindi, giustamente, la Consulta.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto