Treni: “guarita” la linea Roma-Firenze, ma i disagi si spostano in Piemonte

È tornata alla normalità questa mattina la circolazione dei treni ad Alta velocità sulla linea Roma-Firenze, dove ieri si sono registrati forti ritardi. Fs precisa che i tecnici, nella notte, hanno risolto i problemi all’origine del guasto dovuto alla mancanza di corrente alla linea elettrica di alimentazione dei treni fra Settebagni e Capena (tratta Roma-Firenze). Lo si apprende da Fs.

 

70 minuti di ritardo a Torino

Mai disagi alla circolazione ferroviaria proseguono sul nodo di Torino, con ritardi fino a 70 minuti per otto treni ad alta velocità e per quindici regionali, si sono verificati stamani per un inconveniente alla linea elettrica di alimentazione a Porta Nuova.

Quattro treni regionali sono stati cancellati, mentre altri sette sono stati limitati nel percorso. Ad essere coinvolte sono state le linee in uscita ed entrata da Torino Porta Nuova per Modana, Cuneo, Milano, Ventimiglia e Genova. Sulle cause del guasto sono in corso accertamenti da parte delle ferrovie.

 

Un venerdì nero sulla Roma-Firenze

Venerdì nero per chi ha preso un treno sulla direttissima Roma-Firenze. Dalle 16 di ieri la circolazione ferroviaria è rallentata per un inconveniente alla linea elettrica di alimentazione dei treni fra Settebagni e Capena. Lo fa sapere Rfi spiegando che i convogli in viaggio registrano ritardi fino a 90 minuti in entrambi i sensi di marcia.

Rimborsato interamente il viaggio

Ai passeggeri del treno 9540, comunica Trenitalia, sarà integralmente rimborsato il biglietto e sarà emesso un bonus del valore pari a quello del viaggio odierno. Ripercussioni anche sulla linea Fl1, Orte–Fiumicino Aeroporto, con cancellazioni o limitazioni di percorso. Trenitalia ha anche attivato i propri servizi di assistenza clienti nelle stazioni di Roma, Firenze, Bologna, Milano e Torino per garantire il proseguimento del viaggio per raggiungere le destinazioni di arrivo.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto