Beacharound e SpiaggiaTi: le app per prenotare un posto (a distanza) al mare

Il distanziamento sociale richiesto nella cosiddetta “fase 2” dell’attuale emergenza sanitaria costituisce un forte limite anche riguardo alle prossime vacanze estive. Al fine di evitare assembramenti, le località turistiche assumeranno, in questa estate 2020, una connotazione che probabilmente non abbiamo mai visto. A farne le spese saranno, da un lato, albergatori e operatori turistici; dall’altra i turisti stessi. Un esempio fra tutti: le spiagge avranno l’accesso “a numero chiuso”.

Con Beacharound si prenotano lettini e ombrellone in tutta Italia

A seguito dell’emergenza sanitaria tuttora in corso, accedendo al portale app www.beacharound.com e senza necessità di registrarsi l’utente può selezionare – fra gli oltre 7.000 siti in tutta Italia – la spiaggia e la corrispondente giornata desiderata, prenotando lettini e ombrellone. L’utente non deve anticipare denaro né versare alcuna percentuale aggiuntiva, pagando quanto dovuto direttamente al gestore dello stabilimento balneare.

Ciascuna spiaggia è contrassegnata dalle coordinate geografiche, dal recapito telefonico e dai servizi offerti (animazione e giochi per bambini, docce, Wifi, ginnastica, spiaggia “pet friendly”, eccetera). La ricerca può quindi essere affinata sulla base di questi ultimi. Si può prenotare mediante contatto diretto con lo stabilimento balneare scelto oppure tramite la piattaforma, inserendo i dati anagrafici e di recapito e indicando la data e l’orario di ingresso nonché il numero delle persone che vi accederanno, dei lettini e degli ombrelloni da prenotare.

I pulsanti “Rivendica spiaggia” e “Aggiungi Spiaggia” sono riservati ai gestori degli stabilimenti balneari al fine, rispettivamente, di registrarsi sul sito e inserire gratuitamente i prezzi praticati o i form per le prenotazioni on line nonché di aggiornare il database relativamente alle attività non ancora indicizzate.

La app SpiaggiaTi per accedere alle spiagge liguri

Per gli amanti delle coste liguri vi è una app specifica. In particolare, per facilitare l’accesso alle spiagge di Genova e di Imperia, un team internazionale di giovani under 30 fondato dai genovesi Giacomo Porcile, commerciale, e Alberto Mazzuoli, studente di economia aziendale, ha inventato l’app cliccabile al link https://spiaggiati.ml che consente di verificare la disponibilità delle spiagge libere nelle due province.

La app – già scaricabile per i dispositivi Android e in dirittura d’arrivo per gli Apple – non è un servizio di prenotazione ma un sistema per verificare, in tempo reale, la disponibilità delle spiagge libere con accesso a numero chiuso. Il suo aggiormanento è a cura dei volontari e degli operatori balneari che regoleranno gli accessi agli stalli di cui trattasi.

Per facilitare l’accesso alla app, nel pieno rispetto della privacy, non occorre registrarsi. Ogni spiaggia è contrassegnata da un segnaposto virtuale, mediante un bollino blu per i siti disponibili oppure rosso per quelli occupati. Già dalla schermata iniziale si possono vedere le spiagge disponibili: se si clicca sul corrispondente segnaposto appaiono l’immagine e il numero preciso dei posti accessibili. Infine, tramite la funzione aggiuntiva “Come arrivare”, previa autorizzazione dell’utente, l’app calcola il percorso per giungervi.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto