Agon Channel, tribunale internazionale all’Albania: “No al procedimento penale”

L’Icsid, il tribunale arbitrale internazionale che opera nel campo della risoluzione delle controversie tra investitori internazionali, ha invitato l’Albania a sospendere, in via cautelare, il procedimento penale a carico di Francesco Becchetti, proprietario di Agon Channel. Lo comunicano gli studi legali che rappresentano l’imprenditore italiano, Quinn Emmanuel Urquhart & Sullivan, Debevoise & Plimpton LLP, Scemla Loizon Veverka & de Fontmichel, Mischon de Reya LLP e Saccucci Fares & Partners.

Raccomandata anche la sospensione dell’estradizione

In una nota, gli avvocati fanno sapere anche che “il collegio arbitrale ha raccomandato la sospensione della procedura di estradizione richiesta dall’Albania al Regno Unito al fine di eseguire il mandato di arresto spiccato nel giugno 2015 nei confronti dello stesso Becchetti e di Mauro De Renzis, amministratore di Agon”.

Agon Channel: arrestato a Londra il patron Francesco Becchetti, le notizie del 4 novembre 2015

Nuovi guai per l’imprenditorie italiano Francesco Becchetti, proprietario di Agon Channel, la tv in onda sul digitale terrestre che trasmette dall’Albania – è stato fermato a Londra per conto della autorità albanesi che lo scorso giugno avevano emesso un ordine di cattura internazionale nei suoi confronti: lo ha confermato a un’agenzia di stampa il portavoce della Procura Generale Albi Serani.

Entro un mese l’estradizione in Albania

Becchetti viene accusato di falso in documentazione e riciclaggio di denaro. Una corte di Londra avrebbe ordinato gli arresti domiciliari per l’imprenditore che entro il prossimo 7 dicembre dovrebbe essere estradato in Albania dove prosegue l’inchiesta sulla sua attività. Gli inquirenti sospettano che nel periodo 2007-2013 Becchetti abbia messo in piedi “un gigantesco meccanismo di riciclaggio” che gli avrebbe fruttato, secondo la procura albanese, “alcuni milioni di euro”. Becchetti avrebbe inoltre evaso anche il fisco per una somma di oltre 5 milioni di euro. I suoi beni sono sotto sequestro.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto