Muraro indagata: anche Di Maio ha mentito, le prove

Sulla vicenda di Roma e del caos in Campidoglio, c’è anche un altro aspetto che aggiunge benzina sul rogo romani dei Cinque Stelle facendo paventare un repulisti all’interno del direttorio: Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera e capo in pectore del Movimento, avrebbe saputo da settimane che l’assessore Paola Muraro era indagata essendo stato informato via mail.

Messaggi e mail: non poteva non sapere

Tra il 2 e il 5 agosto scorso era stato informato. Ma la surreale spiegazione fornita all’Adnkronos sarebbe che non avrebbe capito. O meglio avrebbe capito che il fascicolo era riferito all’esposto del numero uno di Ama, Daniele Fortini, e non a un’indagine autonoma della magistratura romana. Ma ci sono anche messaggi di testo sul cellulare scambiati con Paola Taverna (sotto tutti i messaggi, compresa la mail “non compresa”, pubblicata dal Messaggero).

a-guaidimaio01

a-guaidimaio02

a-guaidimaio03

a-guaidimaio04

a-guaidimaio05

a-guaidimaio06

a-guaidimaio07

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto