California: un bambino si ammala di peste, aveva campeggiato a Yosemite

Un caso di peste negli Stati Uniti. A sviluppare la malattia un bambino americano che era stato in visita a metà luglio alla Stanislaus National Forest e ha poi campeggiato al Yosemite Crane Flat Campground. A renderlo pubblico il dipartimento di sanità pubblica della California che aggiunge affermando che il piccolo è in via di guarigione e che nessun altro turista che ha frequentato quei luoghi nello stesso periodo si è ammalato.

Prosegue il monitoraggio delle autorità

Tuttavia il monitoraggio non si è fermato e le autorità invitano chi dovesse sentirsi male di rivolgersi agli ospedali. La malattia, infatti, ha registrato negli ultimi anni alcune decine di casi, molti meno di quanti se ne verificano altrove, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo. Ma rimane il fatto che il batterio, veicolato dalle pulci, può trasmettersi ad animali, come scoiattoli e piccoli roditori, che non vanno mangiati né li si deve toccare se li si trova morti.

I consigli per chi frequenza spazi aperti

Il consiglio per gli escursionisti – hanno aggiunto le autorità – è quello di coprirsi quando si esce per boschi, con pantaloni e maniche lunghe, usare repellenti contro gli insetti e disinfestare le abitazioni di campagna o di montagna se vi si trovano roditori selvatici. Tra le conseguenze della malattia, cancrena a mani, piedi, naso e labbra e la diagnosi deve essere tempestiva per iniziare con gli antibiotici ed evitare il decesso del paziente.

Nel 2015 2 casi mortali in Colorado

Oltre al recentissimo caso avvenuto in California, il primo in questo Stato dal 2006, solo nel 2015 se n’erano registrati altri 2 negli Stati Uniti: entrambi in Colorado ed entrambi i pazienti sono deceduti. Si tratta di un adolescente, morto a Larimer County, e un adulto di Pueblo County, come ha annunciato mercoledì scorso il dipartimento sanitario locale.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto