Approvata la prima legge italiana sull’autismo, previste diagnosi e cure

Ora l’Italia ha una legge sull’autismo.  L’ha approvata ieri la commissione Igiene e Sanità del Senato, in terza lettura e in sede deliberante. Le nuove norme prevedono l’inserimento nei livelli essenziali di assistenza dei trattamenti per l’autismo, l’aggiornamento delle linee guida per prevenzione, diagnosi e cura, oltre alla ricerca nel campo.

 

Un importante aiuto per le famiglie

”Approvando in sede deliberante la prima legge nazionale sull’autismo, la Commissione Igiene e Sanità del Senato ha consentito un primo grande sostegno concreto a migliaia di cittadini e alle loro famiglie”: dichiara il sottosegretario alla Salute Vito De Filippo.
“Si tratta di un provvedimento che cambia le cose, frutto di un lavoro lungo e faticoso – rileva De Filippo in una nota – costruito insieme a medici, ricercatori, responsabili delle associazioni che rappresentano le migliaia di persone colpite da questa sindrome”.

 

Il miglioramento delle condizioni di vita

“Attraverso questa norma – continua il sottosegretario – lo Stato potrà fornire le prime risposte grazie all’inserimento nei livelli essenziali di assistenza dei trattamenti per l’autismo. È un provvedimento moderno perché oltre al miglioramento delle condizioni di vita, guarda all’inserimento nella vita sociale delle persone con disturbi dello spettro autistico. Grazie a questa norma arriva l’aggiornamento delle linee guida per prevenzione, diagnosi e cura, l’incentivazione alla ricerca”.

 

Mancano ancora i fondi

Ma c’è un problema finanziamenti. “Adesso aspettiamo – conferma il senatore dell’Idv, Maurizio Romani, vicepresidente della commissione Sanità di Palazzo Madama – che il ministero della Salute sblocchi dal Fondo sanitario nazionale risorse ad hoc per i disturbi dello spettro autistico”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto