Martina eletto segretario del Pd, Zingaretti attacca Renzi: “Non ascolta”

L’assemblea del Partito Democratico, riunita sabato 7 luglio a Roma all’Hotel Ergife, ha eletto segretario Maurizio Martina, attuale reggente, con 7 voti contrari e 13 astenuti.

La “ripartenza” di Renzi

“Ripartenza non può essere ricostruire un simil Pds o una simil Unione”, ha detto Matteo Renzi all’Assemblea Pd. “Se qualcuno pensa che sia la nostalgia la chiave non coglie la novità”, aggiunge.

“Noi l’egemonia l’abbiamo avuta per tre o quattro anni. L’abbiamo persa e l’atto delle dimissioni ha questo significato” di riconoscere la sconfitta, prosegue Renzi. E una parte della platea applaude a sottolineare la responsabilità di Renzi. A quel punto l’ex segretario si è fermato, replicando: “Abbassiamo tutti i toni delle tifoserie. So che non sono l’unico responsabile ma in politica si fa così: paga uno per tutti”.

La critica di Zingaretti all’ex segretario

“A me quello che più mi ha colpito dell’intervento di Matteo Renzi e un po’ anche mi è dispiaciuto è che alla fine non si predispone mai all’ascolto degli altri, delle ragioni degli altri. Per un leader è un grandissimo limite”: così Nicola Zingaretti, che potrebbe essere uno dei candidati alle primarie dei Democratici se e quando si faranno, ha commentato con i giornalisti il discorso di Matteo Renzi all’assemblea Pd.

c

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto