La Meloni aveva detto: “Al ballottaggio voterei Virginia Raggi”, lo confermerà?

E ora – dopo aver perso sia pure con un ottimo 20% al primo turno delle elezioni romane – cosa farà Giorgia Meloni? Tre mesi fa aveva dichiarato che, se esclusa dal ballottaggio per il Comune di Roma, avrebbe dato indicazioni di voto a favore della 5Stelle. Ora Virginia Raggi è in testa nella Capitale e la Meloni è esclusa dal ballottaggio. Parlerà o preferirà il silenzio la leader di fratelli d’Italia? Riconfermerà la vecchia indicazione di voto? E i suoi numerosi elettori capitolini la seguiranno? In questo caso la raggi vincerebbe a mani basse il ballottaggio per il Campidoglio.

aaamelonitosta

La dichiarazione pro Raggi: le notizie del 17 marzo

La candidata a sindaco di Roma di Fratelli d’Italia ha dichiarato che, se non andasse al balottaggio, voterebbe la candidata dei 5Stelle, Virginia Raggi:  “Non temo né Raggi né Giachetti ma, se non arrivassi al ballottaggio voterei Raggi, anche se trovo deludente la storia di M5s perché speravo di avere degli alleati in Parlamento su alcuni argomenti di rottura. Poi ho capito che per loro l’unica cosa importante è che loro sono puliti e gli altri spazzatura e non ti aiutano mai a portare a casa un risultato”.

La dichiarazione della Meloni è arrivata stamattina nel corso della trasmissione Agorà di Rai3, rispondendo a chi le chiedeva se voterebbe per Roberto Giachetti (Pd) o Virginia Raggi (M5S).

”Fin quando mi dicono che sono fascista è una buona notizia perché vuol dire che non hanno nulla di serio da dire”, ha sottolineato la candidata.

 

L’annuncio della candidatura il 17 marzo alle 12

Poco dopo mezzogiorno Giorgia Meloni ha sciolto la riserva e – come era ormai largamente previsot – si candida a sindaco di Roma, sostenuta dal leader della Lega Nord, Matteo Slavini e ostacolata da Silvio Berlusconi che ha puntato invece su Bertolaso.

Giorgia Meloni ha annunciato la sua candidatura in piazza della Rotonda: “Dopo attenta e ragionata riflessione ho deciso di correre per la carica di sindaco di Roma. È una scelta d’amore – ha rimarcato – la posta in gioco è alta: si tratta di continuare a combattere il governo Renzi e restituire dignità alla nostra città. Vogliamo restituire ai romani l’orgoglio di dire ‘civis romanus sum'”.

La Meloni vorrebbe andare al ballottaggio elettorale a nome di tutot il cemtro-destra, ma Berlusconi non vuole e – oltretutto – il suo fronte poitico si presenta con quattro candidati alle primarie.

 

Riserva sciolta come si prevedeva

Si saprà oggi se Giorgia Meloni, esponente di spicco di Fratelli d’Italia, sarà la quarta candidata del centro-destra nella corsa per l’elezione del nuovo sindaco di Roma.

 

Una nota dell’Ufficio di presidenza di Fratelli d’Italia

La notizia è stata accompagnata da una nota dell’Ufficio di Presidenza di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, che “all’unanimità, si è espresso favorevolmente alla candidatura di Giorgia Meloni a sindaco di Roma.

aaamelonipost

La maternità annunciata su Facebook

Il 30 gennaio scorso, lal Presidente di FdI aveva annunciato, sul suo profilo Facebook, la maternità che la porterà a diventare mamma due mesi dopo le elezioni del nuovo primo cittadino della Capitale e che nei giorni scorsi è stata fonte di polemiche abbastanza incredibili da parte prima di Bertolaso, il candidato ufficiale di Forza Italia, poi dello stesso Berlusconi (qui sopra il post su Facebook).

 

La Meloni sembrava aver rinunciato…

In un primo momento sembrava che la Meloni avesse concordato, con Berlusconi e Salvini, la candidatura di Bertolaso, ma poi ci ha ripensato e potrebbe rendersi disponibile a correre per il Campidoglio. Oggi, dopo aver sentito gli alleati del centrodestra, verrà indetta una conferenza stampa e la presidente di Fratelli d’Italia annuncerà la sua decisione.

 

4 candidati per il centro-destra

Se Giorgia Meloni dovesse accettare la candidatura, senza ricomporre la frattura creatasi tra Berlusconi e Salvini, il centrodestra certificherà la sua frammentazione a Roma: sulla carta, sarebbero in quattro a correre per la conquista del Campidoglio: Bertolaso, Storace, Marchini e Meloni.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto