Sadiq Khan vince a Londra col 56,8%, primo sindaco musulmano

Cambamento epocale a Londra e in tutta Europa: Sadiq Khan è il primo musulmano a diventare sindaco della capitale. Il laburista, 45 anni, difensore dei diritti civili e figlio di immigrati pachistani musulmani, ha conquistato la vittoria col 56,8% delle preferenze al primo turno, battendo il rivale conservatore Zac Goldsmith, che era il sindaco uscente della cpaitale inglese.

Nella sua squadra c’è anche una italiana, Ivana Bartoletti nella foto. La sua biografia, come illustra bene questo articolo di Repubblica, è movimentata e di grande interesse. Il suo No al terrorismo islamico è molto netto.

aaasindaco02

Il successo delineato già la mattina del 6 maggio

Londra potrebbe avere il primo sindaco musulmano della sua storia. Si tratta di Sadiq Khan, in testa nelle primissime preferenze scrutinate finora, secondo il blog della Bbc che segue lo spoglio. Si tratta per ora di dati embrionali, che confermano tuttavia il vantaggio accreditato dai sondaggi al candidato laburista, figlio di immigrati pachistani musulmani, sul conservatore Zac Goldsmith.

aaaaivana

Nella squadra c’è anche un’italiana

Nella sua squadra c’è anche un’italiana residente a Londra, Ivana Bartoletti (nella foto qui sopra), che spera di poter conquistare un seggio nella London assembly, l’assemblea della metropoli, dopo una carriera all’interno dell’Nhs, il servizio sanitario nazionale.

“Spero di poter restituire a Londra quello che questa città mi ha dato”: ha dichiarato Ivana.

 

Avvocato che difende i diritti umani

Nato nella capitale britanniche l’8 ottobre 1970, è di origini pachistane e il suo percorso politico è avvenuto all’interno del partito laburista. Dal punto di vista professionale è un avvocato che si è dedicato alla difesa dei diritti umani. Ha infatti lavorato su casi di abusi della polizia, discriminazioni sul lavoro e razziali e si è dedicato al contrasto della criminalità organizzata.

aaaaliverpool

E Liverpool resta laburista

In una sconfitta generalizzata del Labour Party, fa eccezione Liverpool, grande centro industriale. La città dei Beatles, dei portuali e del calcio  è il primo dei centri urbani interessati dal voto per un sindaco nelle amministrative britanniche a proclamare il risultato definitivo: vince Joe Anderson (nella foto qui sopra), primo sindaco eletto direttamente dal popolo in città nel 2012, confermato ora con una maggioranza assoluta del 52,6% dei voti.

Alle sue spalle il Libdem Richard Kemp, con oltre 30 punti di scarto, poi i Verdi con un buon 10,9%. Addirittura sesti i Tory di David Cameron: tradizionalmente deboli a Liverpool, ma il cui candidato, Tony Caldeira, è ridicolizzato oggi con appena il 3,6% dei consensi.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto