Milano, uccise la ex con uno stiletto al cuore: definitivo l’ergastolo

È definitiva la condanna all’ergastolo per Carmine Buono, accusato di aver ucciso con un’arma appuntita mai ritrovata, probabilmente uno stiletto o uno spillone che ha perforato un ventricolo cardiaco, la ex convivente Antonia Bianco a San Giuliano Milanese (Milano) nel 2012. Lo ha deciso la Cassazione. Condannato nei precedenti gradi di giudizio al carcere a vita, a un primo giudizio degli Ermellini, fu annullata con rinvio la sentenza per un nuovo appello che confermò la condanna all’ergastolo per omicidio volontario e stalking.

L’avvocato: “È una vittoria”

L’uomo, nel frattempo, era stato scarcerato per decorrenza termini nel 2015 e ora tornerà in carcere per l’esecuzione della pena. “È una grande vittoria per la famiglia della vittima e per la giustizia”, ha spiegato l’avvocato Domenico Musicco, legale dei familiari di Antonia Bianco e che ha insistito per la conferma della condanna per omicidio volontario, mentre il sostituto pg aveva chiesto l’annullamento con rinvio sostenendo la tesi dell’ omicidio preterintenzionale.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto