Novembre, mese nero per stangata tasse e carovita: tutte le scadenze (infografica)

Torna il mese delle tasse, novembre, un incubo anche per un’altra serie di scadenze che si addensano tutte nello stesso periodo. Tra gli acconti e le addizionali Irpef, l’Ires, l’Iva, l’Irap e le ritenute di imposta i lavoratori dipendenti, gli autonomi, le imprese e i possessori di altri redditi saranno chiamati a versare all’erario 55 miliardi di euro. A darne conto è l’Ufficio studi della Cgia.

Ires e Iva

L’imposta più impegnativa da onorare entro la fine del prossimo mese sarà l’acconto Ires in capo alle società di capitali (Spa, Srl, Società cooperative, etc.). Queste ultime dovranno versare 14 miliardi di euro. L’Iva dovuta dai lavoratori autonomi e dalle imprese ammonterà a 13 miliardi di euro, mentre i collaboratori e i lavoratori dipendenti, attraverso i rispettivi datori di lavoro, “daranno” al fisco ritenute per un importo di 10,9 miliardi di euro.

Irpef e Irap

L’acconto Irpef darà luogo a un gettito di 7,7 miliardi, l’Irap, invece, costerà alle aziende 6,8 miliardi di euro. Le ritenute Irpef dei lavoratori autonomi e l’addizionale regionale Irpef, infine, “peseranno” in ognuno dei due casi per 1 miliardo di euro.

Le altre scadenze

Ci sono altre date da tenere occhio, L’elenco lo pubblica Adiconsum che segnala anche questioni bancarie e assicurative.

  • 1° novembre: Ryanair, addio secondo bagaglio a bordo; per l’accensione riscaldamenti, ok per zona climatica D fino al 15 aprile;
  • 11 novembre: ultimo giorno per presentare la domanda di accesso alla procedura arbitrale per gli obbligazionisti delle 4 banche: Banca Marche, Banca popolare dell’Etruria e del Lazio, Cassa di Risparmio di Ferrara e Cassa di Risparmio di Chieti;
  • 15 novembre: accensione riscaldamenti zona climatica C. Si potranno accendere fino al 31 marzo prossimo per 10 ore al giorno;
  • 20 novembre: ultimo giorno per presentare domande per rimborsi parziali di polizze dormienti alla Consap;
  • 21 novembre: entrata in vigore bonifici istantanei.
Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto