Ostia: centro-destra e grillini al ballottaggio, ma i 5Stelle perdono 13 punti

A 17 mesi dalla tornata elettorale delle Comunali a Roma, quando gli abitanti del X Municipio premiarono Virginia Raggi con il 43,6% dei voti al primo turno (che diventò 76% al ballottaggio), Ostia non riconferma i tanti consensi ricebuti dal M5S.

La Di Pillo (M5S) al 30%, il boom di Casapound

La candidata Giuliana Di Pillo (quin sopra e con la rivale nella foto di apertura), già delegata alle politiche del litorale della sindaca, deve accontentarsi di un 30,25% con la lista dei grillini al 30,33%. Al ballottaggio sfiderà un centro-destra unito su Monica Picca, che ha raccolto il 26,68% dei consensi. Importante risultato di Casapound, il movimento di estrema destra che con Luca Marsella a Ostia ha superato il 9% e un eventuale apparentamento (per il momento escluso da Cpi) potrebbe rivelarsi un boomerang per i grillini, che rischierebbero di perdere la guida di un altro Municipio di Roma, dopo la debacle nell’VIII sciolto dopo le dimissioni di Paolo Pace.

I risultati a scrutinio completo

Ma ecco gli altri risultati a scrutinio completato (183 sezioni su 183) relativamente ai candidati presidente: il Partito Democratico, con Athos De Luca, raggiunge il 13,61%, davanti al candidato di Casapound Luca Marsella che chiude con un 9,08%. Bene anche l’ex viceparroco Franco De Donno con l’8,61% finale. Seguono Andrea Bozzi, leader delle liste civiche per l’autonomia, al 5,54%; l’ex consigliere municipale di Sel Eugenio Bellomo al 3,61%; il candidato del Popolo della Famiglia Giovanni Fiori con l’1,34% e l’avvocato Marco Lombardi con l’1,32%.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto