Alex Zanardi operato per la terza volta, intervento di 5 ore

Alex Zanardi ha subito una terza operazione chirurgica necessaria per una ricostruzione cranio-facciale. L’intervento è durato cinque ore ed è stato effettuato sabato scorso, ma la notizia è emersa solo oggi.

I medici hanno emesso un nuovo bollettino in cui ribadiscono che Alex è in condizioni stabili ma gravi dal punto di vista neurologico.

Al termine del nuovo intervento (il terzo finora) Alex è stato nuovamente trasferito nel reparto di rianimazione di Siena, dove risulta tuttora ricoverato stabili ma gravi sotto il profilo neurologico con i medici che continuano a mantenere massima cautela sull’eventuale risveglio dell’atleta.

 

Le notizie dell’ospedale

Dall’ospedale fanno sapere che l’operazione chirurgica fa parte degli interventi programmati nel percorso terapeutico previsto per Alex al fine di un’ulteriore stabilizzazione della situazione clinica. L’operazione è stata eseguita dall’equipe della chirurgia maxillo-facciale guidata da Paolo Gennaro ed è tecnicamente riuscita, anche se occorrerà del tempo per valutarne i possibili effetti.

“Le fratture erano complesse“, commenta il professor Gennaro e l’intervento è stato preceduto da un’accurata programmazione che si è avvalsa di tecnologie computerizzate, digitali e tridimensionali, fatte a misura del paziente”.

Un caso singolare quello di Zanardi, conclude il professore che, tuttavia precisa come quella di Alex sia una frattura che viene affrontata nel centro medico di Siena in maniera routinaria.

 

 

L’intervento del 29 giugno

Notte trascorsa senza variazioni del quadro clinico per Alex Zanardi, sottoposto ieri, lunedì 29 giugno, a un secondo intervento neurochirurgico. Lo si apprende da fonti sanitarie del policlinico universitario di Santa Maria alle Scotte di Siena, dove è ricoverato in prognosi riservata, in terapia intensiva, dal 19 giugno.

E poi, a 24 ore dall’intervento, arriva anche il bollettino: “Alex Zanardi è in condizioni cliniche stazionarie” e con un “decorso stabile dal punto di vista neurologico, il cui quadro rimane grave”.

Il paziente, continua il bollettino,  “a distanza di circa 24 ore dall’operazione presenta condizioni cliniche stazionarie ed un decorso stabile dal punto di vista neurologico, il cui quadro rimane grave. Alex Zanardi è ricoverato nel reparto di Terapia Intensiva, dove resta sedato e intubato, e la prognosi rimane riservata. In accordo con la famiglia non saranno diramati altri bollettini medici in assenza di significativi sviluppi”.

Rimane intubato

Il campione paralimpico bolognese è in coma farmacologico, intubato e ventilato meccanicamente. Le sue condizioni sono giudicate stabili dal punto di vista cardio-respiratorio e metabolico, “gravi dal punto di vista neurologico”. Un nuovo bollettino medico è atteso in giornata, probabilmente a 24 ore dalla fine dell’intervento al cervello durato ieri circa 2 ore e mezzo.

Zanardi: “Secondo intervento al cervello, è durato 2 ore e mezza”, le notizie del 29 giugno 2020

Alex Zanardi è stato sottoposto al secondo intervento di neurochirurgia dopo il gravissimo incidente in handbike avvenuto 10 giorni fa.

Lo rende noto il policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena, dove è ricoverato dallo scorso 19 giugno.

“Nell’ambito delle valutazioni diagnostico-terapeutiche effettuate dall’équipe che ha in cura l’atleta – spiega il bollettino medico diffuso dalla direzione sanitaria dell’Azienda ospedaliero-universitaria senese – è stata effettuata una tac di controllo. Tale esame diagnostico ha evidenziato un’evoluzione dello stato del paziente che ha reso necessario il ricorso ad un secondo intervento di neurochirurgia”.

 

Il secondo intervento

 

Dopo l’intervento, durato circa 2 ore e mezza, Zanardi è stato “nuovamente ricoverato nel reparto di terapia intensiva dove resta sedato e intubato: le sue condizioni rimangono stabili dal punto di vista cardio-respiratorio e metabolico, gravi dal punto di vista neurologico, la prognosi rimane riservata”.

“L’intervento effettuato – dichiara il direttore sanitario dell’Aou senese Roberto Gusinu – rappresenta uno step che era stato ipotizzato dall’équipe. I nostri professionisti valuteranno giorno per giorno l’evolversi della situazione, in accordo con la famiglia il prossimo bollettino sarà diramato tra circa 24 ore”.

 

La lettera del Papa

Papa Francesco ha scritto una lettera ad Alex Zanardi. “Prego per lei”, si legge nel testo del pontefice, “grazie per aver dato forza a chi l’aveva perduta, la sua storia è un esempio”. E ancora: “Caro Alessandro, la sua storia è un esempio di come riuscire a ripartire dopo uno stop improvviso”.

“Lezione di umanità”

“Attraverso lo sport”, scrive Papa Francesco, “hai insegnato a vivere la vita da protagonisti, facendo della disabilità una lezione di umanità. grazie per aver dato forza a chi l’aveva perduta. In questo momento tanto delicato le sono vicino. Prego per lei e per la sua famiglia. Che il Signore la benedica e la Madonna la custodisca”.

Alex Zanardi ancora stabile, nuovi interrogatori in procura per sciogliere i dubbi, le notizie del 23 giugno 2020

Quarta notte trascorsa in terapia intensiva per Alex Zanardi al policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena, dove si trova ricoverato da venerdì sera dopo l’intervento neurochirurgico per i traumi al cranio e al volto riportati a seguito dell’incidente con l’handbike contro un tir lungo la stra provinciale 146 nel comune di Pienza (Si). “Le condizioni del paziente sono stabili, non si sono registrate novità significative”, fa sapere l’ospedale.

Ancora in coma farmacologico

Le condizioni dell’ex pilota anche se stabili restano gravi. L’ex pilota di Formula 1 continua ad essere tenuto in coma farmacologico. Sono ripresi, intanto, gli interrogatori da parte della procura di Siena volti a chiarire gli aspetti logistico-organizzativi della staffetta “Obiettivo Tricolore” durante la quale è rimasto ferito Zanardi durante l’incidente stradale con un camion nel comune di Pienza (Siena).

Alex Zanardi è stabile, il dubbio: perché non c’era la scorta?, le notizie del 22 giugno 2020

Decorso clinico regolare e stabile anche la notte scorsa in ospedale per Alex Zanardi, che da oggi, lunedì 22 giugno, va ad affrontare una settimana-chiave per la guarigione dai gravi traumi dell’incidente in handbike a Pienza (Siena) lo scorso 19 giugno. Sempre tenuto in coma farmacologico, Zanardi prosegue il lento recupero iniziato dopo l’intervento neurochirurgico nel policlinico senese.

Prognosi ancora riservata

Già da oggi i medici, riuniti in equipe multidisciplinare, fanno le valutazioni necessarie per decidere se è possibile già nei prossimi giorni sospendere la sedazione per verificare il quadro neurologico. Decisiva per procedere a questo passaggio, hanno spiegato, è che si mantenga la stabilità delle condizioni cliniche di Alex Zanardi come sta accadendo in questi primi giorni di cure. La prognosi è sempre riservata.

Il filmato di un giornalista

C’è un filmato girato dal videomaker Alessandro Maestrini, che seguiva il gruppetto a bordo della sua Golf cabrio, che riprende chiaramente l’ex pilota di Formula 1 mentre perde il controllo del velocipede. Ora è al vaglio degli inquirenti al lavoro per ricostruire la dinamica dell’incidente durante il quale la handbike di Zanardi “imbarca” e “taglia” dritta la curva che declina verso destra.

Ma si fa strada sempre più un dubbio: perché la carovana non era scortata almeno dalla polizia stradale?

La pm Serena Menicucci vuole capire, infatti, perché non vi fosse un cordone di protezione attorno al gruppetto di ciclisti, soprattutto, perché la strada non fosse stata interdetta al traffico, circostanza che ha permesso lo scontro tra la handbike e l’autoarticolato che procedeva in senso contrario, alla cui guida c’era Marco C., 44 anni della provincia di Siena.

Al momento è lui l’unico iscritto nel registro degli indagati per il reato di lesioni colpose gravissime, ma potrebbero aggiungersi altri nominativi nel caso fosse riscontrato il nesso di causalità con la omessa chiusura della strada e l’incidente.

Il sostituto procuratore ha già sentito la cognata di Alex Zanardi, Barbara Manni, manager del team di Obiettivo 3, che pubblicizza l’evento sul proprio sito internet, e poi Mario Valentini, Ct della Nazionale paralimpica di ciclismo, che venerdì era al seguito di Zanardi.

“Mani sul manubrio”

Un ciclista di Sinalunga appena partito da Pienza insieme con Zanardi, non ancora ascoltato dagli investigatori, spiega che “Alex stava girando delle immagini con il telefonino”, almeno fino al rettilineo che degrada sulle curve, a circa un chilometro prima dell’impatto in cui il pilota – secondo altri testimoni – avrebbe avuto le mani sul manubrio. Il ciclista di Sinalunga aggiunge che “Alex si è spaventato quando ha visto il camion e allora ha perso il controllo”. La notizia però è stata smentita.

“Gara a scopo benefico”

In merito alle polemiche sulla mancata chiusura della strada, Roberto Sgalla, presidente della commissione direttori di corsa e sicurezza della Federciclismo, ex prefetto e direttore della polstrada, chiarisce che “si trattava di una pedalata a fondo benefico, motivo per cui non doveva esserci una comunicazione di percorso alle autorità e neanche una chiusura del traffico”, precisando che “le cosiddette tappe vanno interpretate come una tabella di marcia dal punto di vista organizzativo”.

Alex Zanardi è stabile, ma sono possibili eventi avversi, le notizie del 21 giugno 2020

Restano stabili le condizioni di Alex Zanardi, ma i medici che l’assistono non escludono ancora la possibilità di “eventi avversi”. Resta, quindi, ricoverato a Siena in prognosi riservata.

Questa la sintesi dell’ultimo bollettino, letto poco dopo mezzogiorno.

 

Seconda notte in terapia intensiva

Seconda notte in terapia intensiva per Alex Zanardi all’ospedale di Siena, dove è ricoverato dopo l’intervento neurochirurgico per le fratture al cranio e al volto riportate nell’incidente con l’handbike contro un camion a Pienza il 19 giugno. Le condizioni, che restano gravi, sono stazionarie e continua il coma farmacologico. Sedato, continua a essere ventilato meccanicamente e il monitoraggio dei parametri clinici e’ costante. E soddisfacente.

 

Condizioni stabili

“Non ci sono particolari variazioni cliniche: le condizioni” di Alex Zanardi “continuano a essere stabili da un punto di vista cardiorespiratorio, è sempre ventilato meccanicamente, e restano stabili anche i parametri metabolici che danno un quadro clinico generale buono; c’è da confermare la gravità del quadro neurologico che andrà valutato la prossima settimana quando le condizioni cliniche ce lo permetteranno”. e grave sul piano neurologico”: lo ha detto, ieri pomeriggio, ai giornalisti il professor Sabino Scolletta, direttore del Dipartimento di Emergenza urgenza dell’ospedale di Siena, facendo un punto sulle condizioni dell’atleta. Zanardi è quindi “stabile ma grave sul piano neurologico”.

 

“È un grande atleta”

Alex Zanardi “è un grande atleta e quindi da un punto di vista generale è in condizioni ottimali, quindi ben controllato, per questo motivo probabilmente sta rispondendo molto bene” alle terapie.

“Pensiamo positivamente, siamo fiduciosi che questo suo stato pre-trauma possa condizionare positivamente il decorso”. Valutazioni sulle possibili conseguenze neurologiche, come pure su un’eventuale compromissione della vista, potranno essere fatte “la prossima settimana”, ha aggiunto il professore.

Lo ha detto ieri pomeriggio, facendo un punto con i giornalisti, il professor Sabino Scolletta, direttore del Dipartimento di Emergenza urgenza dell’ospedale di Siena, dopo aver confermato che le condizioni di Alex sono stabili benché con un quadro neurologico molto grave.

Il professore Scolletta ha anche sottolineato come, con gli altri medici che seguono Zanardi “non siamo rimasti sorpresi” dal recupero che il suo organismo sta facendo.

“È arrivato qui in condizioni instabili”, ha sottolineato il primario.

Ricoverato a Siena in gravissime condizioni: le notizie del 19 giugno

Sono gravissime le condizioni di Alex Zanardi, 53 anni, rimasto coinvolto in un incidente nel Senese durante una delle tappe della staffetta di Obiettivo tricolore, con atleti paraolimpici in handbike, bici o carrozzina olimpica. Zanardi è stato trasferito in codice 3 all’ospedale Le Scotte di Siena con un elisoccorso.

L’atleta “è stato subito preso in cura dai professionisti del pronto soccorso” di Siena, “valutato in shock room e le sue condizioni sono gravissime per il forte trauma cranico riportato”. Zanardi è stato “sottoposto ad un delicato intervento di neurochirurgia”.

In prognosi riservata

Dopo l’interverto neurochirurgico Zanardi è stato trasferito in terapia intensiva, in prognosi riservata. “In merito alle condizioni cliniche di Alex Zanardi, ricoverato in condizioni gravissime al policlinico Santa Maria alle Scotte a causa di un incidente stradale avvenuto in provincia di Siena – si legge nel bollettino -, la direzione sanitaria dell’Aou Senese informa che l’intervento neurochirurgico e maxillo-facciale a cui è stato sottoposto l’atleta, a causa del grave trauma cranico riportato, è iniziato poco dopo le 19 e si è concluso poco prima delle 22. Il paziente è stato poi trasferito in terapia intensiva, in prognosi riservata. Le sue condizioni di salute sono gravissime”.

Il Ct Valentini: “Si è imbarcato”

 

“C’è un rettilineo lungo, in una discesa con pendenza al 4%, dicono si sia imbarcato e abbia preso un autotreno sul montante davanti. L’autotreno si è spostato di un metro, ma l’ha preso uguale. Non c’ero, ero staccato. Era una giornata di sole, tutti contenti, eravamo a 20 chilometri da Montalcino.

Non ha sbagliato l’autotreno, ha sbagliato Alex, ha imbarcato“: sostiene il ct della Nazionale paraolimpica di ciclismo, Mario Valentini, che seguiva la corsa con il mezzo della federazione.

“Sulla salita gli ho fatto vedere l’aranciata, mi ha urlato dammene un po’. Si scherzava, e in discesa andava piano, non era una grande discesa, poi c’era il rettilineo, all’imbocco della curva ha cambiato traiettoria – prosegue Valentini a ‘Radio Capital’ – E ha fatto una manovra azzardata. Ha preso con la leva della pedivella sinistra il montante dove salgono gli autisti, ha girato due-tre volte, il casco non ha retto, gli è saltato. Ce n’è voluto per far arrivare l’elicottero, siamo in mezzo a un bosco e hanno dovuto spostarlo”.

 

Chiudeva il gruppo di corridori

Al momento dell’incidente il gruppo di sportivi disabili era scortato dalla polizia municipale di Pienza. Alex Zanardi chiudeva il gruppo dei corridori. I rilievi del sinistro sono stati effettuati dai carabinieri della compagnia di Montepulciano. Oltre ai militari sul posto, anche i sanitari del 118 e i vigili del fuoco. Il magistrato di turno della Procura di Siena ha effettuato un sopralluogo per ricostruire la dinamica dell’incidente.

Il percorso della staffetta, partita da Sinalunga (Siena), prevedeva l’arrivo a Montalcino (Siena), nella frazione di Castelnuovo dell’Abate: qui Zanardi avrebbe dovuto essere ospite dell’azienda vinicola Ciacci Piccolomini d’Aragona.

La Procura di Siena apre un’inchiesta

 

La Procura di Siena ha aperto un fascicolo sull’incidente, in cui, secondo quanto apprende l’AdnKronos, si ipotizza il reato di lesioni gravissime da incidente stradale, in base all’articolo 590 bis del codice penale.

I carabinieri, coordinati dal pm, nel frattempo, hanno acquisito almeno un video amatoriale che avrebbe ripreso il momento del tragico incidente. I militari dell’Arma hanno eseguito anche verifiche sulle modalità organizzative della manifestazione “Obiettivo 3” al fine di accertare se la corsa si svolgeva in idonee condizioni di sicurezza.

 

Il tweet del premier Conte

 

 

L’incidente nel pomeriggio del 19 giugno

Una pessima notizia da Siena! Alex Zanardi è rimasto coinvolto in un incidente stradale in provincia di Siena, lungo la statale 146 fra Pienza e San Quirico d’Orcia, durante una delle tappe della staffetta di Obiettivo tricolore, viaggio che vede tra i partecipanti atleti paralimpici in handbike, bici o carrozzina olimpica.

L’incidente è avvenuto lungo la statale 146 nel comune di Pienza. Da quanto appreso è coinvolto un mezzo pesante. Le notizie parlano di “politrauma” e aggiungono che l’ex pilota di Formula 1 è sottoposto a un delicato intervento di neurochirurgia.

 

Trasferito in ospedale a Siena

Sul posto intervenuto l’elisoccorso per trasferire Zanardi in ospedale all’ospedale Le Scotte di Siena. Alex si trovava in Val d’Orcia per una delle tappe della staffetta tricolore di “Obiettivo 3”.

Da quanto appreso, Zanardi sarebbe stato investito da un camion.

Alex ha 53 anni. Ha vinto Mondiali e ori paralimpici. Proprio poche ore fa prima dell’incidente era arrivato l’annuncio che sarebbe tornato a correre in auto in una gara Gt a Monza nel prossimo mese di novembre.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto