Kamut, orzo e quinoa: le qualità delle alternative ai cereali classici

Le alternative ai cereali classici meritano di essere considerate per chi è attento a quel che mangia.

Esaminiamole una a una nelle loro caratteristiche principali.

Kamut

Contiene una quantità maggiore di Sali minerali, soprattutto selenio, rispetto a frumento, mais e riso. Oltre al selenio, importante per la difesa delle cellule dei radicali liberi responsabili dell’invecchiamento, contiene proteine in percentuale maggiore rispetto agli altri cereali, circa il 17%.

 

 

Orzo

Contiene buone quantità di fosforo, è povero di grassi ed è altamente digeribile. Consigliato particolarmente in regimi ipocalorici, in quanto aumenta il senso di sazietà

 

Quinoa

Contiene un alto contenuto di proteine e grassi ed è un’ottima fonte di calcio, ferro e vitamine del gruppo B. Consigliato per chi soffre di celiachia, perché privo di glutine, ed inoltre con proprietà anti-infiammatorie.

 

 

Nota: nella foto qui sopra la dottoressa Silvana Di Martino, autrice dell’articolo.

 

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto