Incendio a Roma oscura San Paolo, in pochi minuti il cielo diventa nero

Una colonna di fumo ha oscurato la basilica di San Paolo a Roma intorno alle 14 del 6 luglio. Le fiamme hanno avvolto una grande palma sull’argine del Tevere, a ridosso di un grande centro sportivo.

In pochi minuti il cielo si è oscurato e l’odore acre del fumo ha investito l’intera area, minacciando le auto parcheggiate.

I lavoratori del centro sportivo hanno tentato invano di domare le fiamme, alte e crepitanti, nella mezz’ora di attesa dei soccorsi.

Arrivano Vigili del fuoco e polizia

Vigili del fuoco e polizia sono giunti assieme, con due mezzi antincendio e due pattuglie. Gli agenti hanno interdetto il passaggio delle auto lungo l’intero tratto di lungotevere di Pietra Papa e allontanato i passanti, numerosi in quel tratto, costeggiato da una pista ciclabile che attraversa la Capitale, congiungendo il quartiere Marconi di Roma Sud con ponte Milvio a Roma Nord.

Una mezz’ora buona di lavoro è stata necessaria per spegnere le fiamme. I vigili del fuoco sono stati costretti a operare a distanza, puntando le pompe sull’incendio attraverso una recinzione.

Sul varco di ingresso all’argine sono infatti posizionati dei piloni in cemento che impediscono il passaggio dei veicoli. Anche quelli di soccorso.

Le forze dell’ordine stanno ascoltando il personale del centro sportivo per ricostruire la dinamica dell’incendio.

Nota: anche le foto sono di Marta Strinati.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto