Allergie di stagione: bere acqua aiuta, tiene sotto controllo l’istamina

Bere poco favorisce la produzione di istamina, aumentando così l’insorgere di reazioni allergiche. È quanto riporta In a Bottle (www.inabottle.it) in un focus tra corretta idratazione e salute. Secondo Federasma, sono 9 milioni gli italiani che soffrono di allergie. Il 16,9% accusa rinite allergica, mentre il 6% dei giovani (dai 14 anni in su) ha a che fare con asma. Uno fra i principali responsabili è il polline, che proviene da piante quali le graminacee, la parietaria, l’ambrosia, le betulle, ma anche il cipresso, l’ulivo e la quercia. La salute respiratoria, con particolare attenzione ai bambini, è influenzata anche dalla quantità di acqua che si assume ogni giorno.

“Gesto essenziale”

“Assicuratevi”, dice Neeta Ogden, portavoce dell’American College of Allergy, Asthma and Immunology, “di bere una giusta quantità di fluidi per rimanere idratati durante le allergie stagionali. È stato dimostrato, infatti, che quando l’individuo è disidratato, il suo corpo produce un più alto livello di istamina, il che porta all’insorgenza di allergie. Quando si è disidratati c’è il rischio di peggiorare la situazione: bere molta acqua è essenziale”.

“Fa espellere gli allergeni”

“Bere quantità adeguate di acqua”, commenta il Dottor Bruce Pfuetze, allergolo e immunologo presso l’Overland Park Regional Medical Center, “è molto importante per la nostra salute in generale. Mantenersi idratati, inoltre, aiuta ad espellere le sostanze estranee, compresi gli allergeni che circolano nel nostro corpo”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto