Trani, la città dei libri: lavori in corso per un progetto decisamente ambizioso

Stavolta parliamo di molti libri, di piccole librerie, di biblioteche vagabonde e di un bel progetto elaborato e gestito da Enzo Covelli della Libreria Miranfù.

Siamo a Trani dove, da febbraio, si sta realizzando – e quanto bene! – “Bibliocity. Che i libri siano con voi” che, entro giugno, installerà undici “Little Free Library” e attiverà cinque “BiblioPoint”, piccole biblioteche presenti all’interno di altrettante attività commerciali (tre farmacie e due librerie) della città. L’obiettivo, ambizioso ma non impossibile, è quello di rendere Trani “la città dei libri”.

 

La Little free library
E i primi segnali positivi sono già evidenti, potenziati dalla diffusione delle “Little free library”, in armonia con le regole di una rete americana che, ormai da tempo, realizza queste “casette dei libri” e le disloca, nelle città, a disposizione dei bambini e degli adulti. Le piccole librerie contengono circa 100/120 libri tra nuovi ed usati: quelle nelle scuole propongono libri di narrativa e di divulgazione per bambini, quelle in città sono pensate per lettori di tutte le età.

aaaaaaa-bibliocar

Le casette-cassette si possono anche portare da casa

–    Immaginate di accompagnare a scuola vostro figlio o vostra figlia e di trovare nell’atrio una simpatica “casetta-cassetta” dove i libri si possono scambiare – dice Enzo Covelli  –  Basta portarne uno da casa, in autonomia, senza la mediazione di un adulto, senza dover chiedere le chiavi a nessuno. E lo si fa in pochissimo tempo: non ci si deve registrare, non ci sono schede da compilare, tessere da richiedere o documenti da esibire. L’unica regola da rispettare è semplice e si può riassumere nello slogan “Prendi un libro, dona un libro” – ,
Esperienza da sostenere e da riproporre, questa di Bibliocity. E che i libri siano con … noi!

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto