Talco killer, Johnson & Johnson condannata a pagare 55 milioni

Un’altra conferma dei pericoli di un prodotto familiare come il talco, che sembrava innocuo.

Johnson&Johnson, dovrà pagare – infatti – 55 milioni di dollari a una donna americana. Già qualche mese fa la multinazionale aveva subito un’altra pesantissima multa di 65 milioni sempre per lo stesso motivo.

Ors un tribunale di St. Louis ha ordinato un maxi-risarcimento nei confronti di Gloria Ristesund, una signora di 62 anni del South Dakota, che afferma che l’uso per anni di prodotti a base di talco l’ha portata a sviluppare un tumore ovarico.

aaababy-768x399Il secondo verdetto sfavorevole

Si tratta del secondo verdetto sfavorevole per J&J, dopo essere stata condannata a febbraio a risarcire la famiglia di una donna dell’Alabama, Jackie Fox deceduta in seguito ad un tumore alle ovaie, che l’aveva citata in giudizio sostenendo che la malattia e quindi la morte sia stata causata da prodotti contenenti talco.

La J&J sta affrontando 1.200 cause simili

E non e’ tutto poiche’ l’azienda sta affrontando circa 1.200 cause legali con l’accusa di non aver informato gli utenti sui rischi legati ai suoi prodotti a base di talco.

 

Ma dice che non ci sono prove decisivive contro il talco

Tramite la portavoce Carol Goodrich, la Johnson&Johnson ha però affermato che presenterà appello per entrambe le decisioni, a suo parere contrarie ai risultati di decenni di ricerche che sostengono la sicurezza del talco. L’azienda ha ricordato che i Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) non hanno identificato il talco come un fattore di rischio per il tumore alle ovaie.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto