LA PSICOLOGA – Mio figlio ha 17 anni e si è innamorato, come mi comporto?

Gentile dottoressa,
sono la mamma di un ragazzo di 17 anni e ho bisogno di avere da lei un consiglio. Mio figlio quest’estate ha conosciuto una ragazzina della sua età e da allora è completamente fuori controllo: è sempre al telefono con lei, si vedono spessissimo e ora anche a casa nostra. Io mi sento molto imbarazzata perché è la prima volta che vedo mio figlio così coinvolto, non so come comportarmi e temo che questa sua infatuazione possa distrarlo dai prossimi impegni scolastici.

Giovanna, Lucca

Gentilissima Giovanna,
capisco che non sia facile accettare che suo figlio stia crescendo, ogni madre tende a vedere del proprio figlio principalmente gli aspetti che lo tengono legato a sé, ma deve riconoscere che ora è capace di vivere emozioni forti e sta imparando a compiere le proprie scelte in autonomia. Finora, lei era il punto di riferimento di suo figlio, mentre, da ora in avanti, sta cominciando a distaccarsi, a fare di testa sua.

Ciò potrebbe farla sentire esclusa dalla vita di suo figlio, ma non dimentichi che il compito principale di un genitore è consentire l’evoluzione dei figli verso l’indipendenza.

Ripensi al suo primo amore

Questo non significa che l’esperienza che lui sta vivendo debba creare una distanza tra voi: ripensi a come si è sentita lei quando si è innamorata per la prima volta e gli racconti la sua esperienza con molta naturalezza, senza vergogna. Questo potrà colmare le vostre distanze e potrà permettergli di specchiarsi nei turbamenti, nell’euforia e nelle paure che ha vissuto anche lei.

La prima relazione è un momento importante, che rimarrà impresso nella memoria per sempre e sarà ancor più positivo se avrà la sua comprensione ed il suo appoggio.

Disponibilità all’ascolto

Gli offra la sua disponibilità ad ascoltarlo, a dargli consigli e ad accogliere i suoi naturali timori. Non cerchi di sostituirsi a lui nelle decisioni da prendere né interferisca nella relazione con la ragazza. Gli stia vicino, ma rimanendo un passo indietro, dandogli la fiducia che lui ora si aspetta da lei. Cerchi di non essere ostile con la ragazza, anzi, sia accogliente, pensi a come si sentirebbe suo figlio se la madre della sua ragazza non lo mettesse a proprio agio. Inoltre ciò le permetterà di conoscere direttamente la “fidanzatina” che è entrata nella vostra famiglia. Non lo privi di questa occasione di crescita, anche se tutto questo può far star male anche lei.

Perché prova imbarazzo?

Provi invece a riflettere sul perché tale esperienza le procura imbarazzo: suo figlio cresce e lei si sente invecchiare? È gelosa del trasporto affettivo che ora è indirizzato non più verso di lei, bensì verso un’altra persona? La imbarazza pensare che suo figlio possa avere rapporti sessuali? A tale proposito provi a vincere i suoi timori e affrontate insieme il tema della sessualità e dei rischi dei rapporti non protetti.

Dimostri fiducia e lo osservi a distanza

Per quanto riguarda la scuola ed eventuali altri impegni di suo figlio, non si preoccupi e aspetti a intervenire qualora notasse effettivo disinteresse da parte sua verso di essi. Gli lasci l’autonomia di cui necessita per organizzare il suo tempo, così da trovare lo spazio giusto per studio e amore: eviti di trasmettergli le sue paure ed eviti di ricordargli costantemente di non trascurare la scuola, ma lo tenga d’occhio, a giusta distanza, affinché ciò non accada.

La dottoressa Cristina Pavia è psicologa presso il proprio studio in Bologna e counselor nelle scuole secondarie di primo grado.
Il suo sito internet è cristinapavia.net.
Potete inviarle i vostri quesiti a redazione@consumatrici.it

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto