Incendio nel pavese, è allarme ambientale: “Non uscite di casa”

Brucia ancora il capannone di 2.000 metri quadrati nel Pavese dove, da ieri sera, è in corso un vasto incendio d’origine dolosa che ha creato un’emergenza per il sospetto di possibili inquinamenti ambientali e ha portato nella notte all’evacuazione di un centinaio di persone. Lo hanno confermato stamani i vigili del fuoco di Pavia. Sul posto, a Corteolona e Genzone (Pavia), sono impegnati nello spegnimento una trentina di pompieri con un decina di mezzi dei comandi provinciali di Pavia, Milano e di alcune sedi di pompieri volontari della zona. Squadre di pompieri sono giunte da Pavia, Broni, Voghera, Sant’Angelo Lodigiano e Milano.

Tecnici dell’Arpa al lavoro

Ieri sera, poco prima di mezzanotte, si è tenuto un vertice con i tecnici dell’Arpa regionale. Cento persone sono state evacuate, a scopo precauzionale, da Cascina San Giuseppe, una frazione del comune di Inverno e Monteleone (Pavia): e proprio in questa località l’Arpa ha posizionato un campionatore per monitorare la presenza di eventuali sostanze inquinanti, come diossina e idrocarburi. A bruciare potrebbero essere stati pneumatici e plastica.

Chiusi negozi e aziende

I sindaci di Inverno e Monteleone (Pavia), Enrico Vignati, e di Corteolona e Genzone, Angelo Della Valle, hanno raccomandato ai cittadini di non uscire di casa se non è strettamente necessario, di non stare all’aperto, di tenere le finestre chiuse e di non consumare ortaggi della zona. Chiusi negozi e aziende mentre l’ordinanza del sindaco prevede il divieto di pascolo del bestiame e la diffida all’utilizzo di foraggi eventualmente esposti alla ricaduta da combustione.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto