Moto Gp Sepang: vince Vinales (Yamaha), 2° Marquez (Honda), 3° Dovizioso (Ducati)

MotoGp Sepang: vince Maverick Vinales (nella foto in apertura di pagina) su Yamaha, davanti a Marc Marquez su Honda che non lo ha mai insidiato non volendo correre rischi, visto che è già da un gran premio campione del mondo e che aveva fatto una brutta caduta in prova, finita fortunatamente bene.

Al terzo posto la Ducati di Andrea Dovizioso, al quarto la Yamaha di Valentino Rossi.

Dovizioso mette al sicuro il suo secondo posto nel mondiale piloti, ma a grande distanza da Marquez.

 

Quartararo partito in Pole

Sepang: si parte con Fabio Quartararo (nella foto qui sopra) in Pole, stamattina alle 8 (diretta Sky). II primo posto in griglia conferma che il ventenne francese è il pilota del futuro, celebra la festa del team Petronas a casa sua in Malesia e dimostra che Fabio non ha paura di Marc Marquez.

Quartararo non si è scomposto nel giro di qualifica, anche se Marquez gli sia rimasto attaccato a lungo.  Un atteggiamento molto aggressivo del pilota spagnolo della Honda, evidentemente intenzionato a mettere pressione a chi lo sfiderà in futuro.

La caduta di Marc Marquez

Ma Marc Marquez ha commesso un errore finendo a terra dopo un brutto highside. Per sua fortuna , ci sono state solo contusioni alle ginocchia e alle braccia che non dovrebbero pregiudicare il gran premio in cui partirà dall’undicesima posizione.

 

Yamaha in prima fila

La prima fila, oltre a Quartararo, è un dominio della Yamaha con Vinales secondo e Morbidelli terzo. Maverick ha un conto aperto con la vittoria che gli è sfuggita in Australia anche per via della caduta all’ultimo giro. Per Morbidelli la prima fila è la conferma di una crescita che il pilota italiano sta facendo nelle ultime gare.

In seconda fila Miller, ancora il primo dei piloti Ducati, Crutchlow e Rossi, che comunque ha dimostrato di avere un buon passo gara.

In difficoltà le Ducati ufficiali, Petrucci partirà dalla ottava posizione mentre Dovizioso solo decimo.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto