Madrid: 7 cose utili per i giovani turisti che le guide non dicono

Se c’è un posto dove si incontrano pochissimi italiani, questo è Madrid. Peccato per loro perché si rivela una grande sorpresa. Ecco quindi le 7 cose che le guide non vi dicono e che possono trasformare in meglio un weekend di svago lontani dalla routine.

1 La zona a Sud della Madrid reale (fermata della metro La Latina) che si contraddistingue magicamente dalle vie madrilene (ricche di palazzi grandiosi con terrazzi in ferro battuto) per la sua somiglianza ad un borghetto medievale. Per mangiare un consiglio è “La musa latina” (nella foto in apertura). Si tratta di un locale carino, con un’ottima qualità prezzo e frequentato da gente del posto data la poca popolarità a livello turistico della zona

2 Le bici elettriche fornite dal comune per un giro turistico diverso dal comune o per un pomeriggio rilassante al parque de El Retiro. Per affittarle basterà registrarsi in una delle tante postazioni presenti in giro per la città, vi verrà fornita una card e con questa potrete prendere, restituire e segnalare qualsiasi problema comodamente.

3 Come si può andare in Spagna senza mangiare almeno una volta il famoso Jamon Iberico ? Beh, se volete farlo da veri abitanti del posto, un consiglio è la gastronomia Ferpal (dietro a Plaza Major). Lì potrete scegliere tra una immensa varietà di prosciutti e salami e potrete inoltre acquistare del pane per gustarvi un ottimo panino al prosciutto. Attenzione, però, agli scontrini perché succede che facciano i furbi vedendo turisti stranieri.

Amanti del vintage? La zona di Justicia è quella giusta per voi. In particolare Calle Velarde pullula di negozietti carini (fermata metro Tribunal).
5  Amanti dell’arte, ma senza troppi spicci in tasca? Nessun problema: a Madrid l’ingresso è gratuito ogni giorno (tranne il martedì) dalle 19 alle 21 al Reina Sofia (attenzione a come programmate la vostra visita perché alle 20.45 vi fanno uscire) e al museo Thyssen-Bornemisza ogni Lunedì dalle 12 alle 16. Entrambi meritano una visita!

6 E se dopo i musei vi viene un languorino ? Qualsiasi ora sia El Azul (Calle Fúcar 1 ) propone piatti e spuntini deliziosi in un ambiente che lo è ancora di più a prezzi buoni. E se invece preferite prendere un piatto da mangiarvi in appartamento o albergo di fronte c’è la gastronomia del locale El ciel pronta per voi

7 Infine un tour insolito: la visita guidata alla borsa di Madrid. Ebbene sì: ogni giorno lavorativo, prenotando anticipatamente tramite l’e-mail visitas@grupobme.es la Borsa madrilena aprirà le sue porte per un giro lungo circa 60 minuti.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto