Papa Francesco: “Gesù non caccerebbe un gay, ma no alla teoria gender”

“Io ho accompagnato nella mia vita di sacerdote, di vescovo, anche di Papa, ho accompagnato persone con tendenze omosessuali, e anche con pratiche omosessuali. Le ho accompagnate, le ho avvicinate al Signore: alcuni non possono, ma io li ho accompagnati e mai abbandonati”: queste le parole di Papa Francesco durate il volo da Baku. “Le persone – ha aggiunto – si devono accompagnare come le ha accompagnate Gesù. Quando una persona che ha questa condizione arriva da Gesù, Gesù non dirà sicuramente ‘vattene via perché sei omosessuale'”.

a-bakupapa

La storia del transessuale spagnolo
Il Papa ha raccontato la storia del transessuale spagnolo che l’anno scorso gli ha scritto, descrivendogli la sua storia di sofferenza, di “ragazza che si sentiva un ragazzo”, che poi dopo la morte della madre era ricorso all’intervento chirurgico per cambiare sesso, poi sposandosi.

“Lui che era lei, ma ora è lui…”

“Mi ha scritto nella lettera che per lui era una consolazione di venire con la sua sposa. Lui che era lei, ma ora è lui – ha raccontato Francesco -. L’ho ricevuto, era contento. Nel quartiere dove lui abitava c’era un vecchio sacerdote, non più parroco, che aiutava in chiesa, e c’era il nuovo: e quando il nuovo lo vedeva, lo sgridava dal marciapiede: ‘Andrai all’inferno!’. Invece quando incontrava il vecchio questo gli diceva: ‘Quanto tempo è che non ti confessi? Andiamo!”.

Secondo il Pontefice, “la vita è la vita e le cose si devono prender e come vengono. Il peccato è il peccato – ha aggiunto -. Poi ci sono le tendenze, ci sono gli squilibri ormonali, i problemi: stiamo attenti, in ogni caso accogliere la persona, accompagnarla, discernere e integrarla: questo è quello che farebbe Gesù”.

a-bakupope

“Non dite che il Papa santificherà i trans…”

Poi rivolto ai giornalisti ha scherzato: “Per favore, non dite che il Papa santificherà il trans!”.

 

“No alla teoria gender”

Ma su una questione Francesco è stato iper-tradizionalista. Il Papa, infatti, ha condannato “la cattiveria che oggi si fa con l’indottrinamento della teoria gender”. “Mi ha raccontato un papà francese, di una famiglia cattolica, che un giorno a tavola parlando con i figli chiese al ragazzo di 10 anni che cosa avrebbe voluto fare da grande. ‘La ragazza!’ E il papà si è accorto che nei libri dei collegi si insegnava la teoria del gender. E questo è contro le cose naturali”, ha aggiunto il Papa rispondendo ai giornalisti durante il volo da Baku.

“No alle colonizzazioni culturali”

“Una cosa è che una persona abbia una tendenza omosessuale, che abbia questa situazione, o anche che cambi sesso – ha sottolineato Francesco – e un’altra cosa è fare l’insegnamento nelle scuole su questa linea, per cambiare la mentalità. Io queste le chiamo colonizzazioni culturali”.

Sul divorzio c’è tutto nella Amoris Laetitia

Ul divorzio i giornalisit al seguito hanno chiesto poi al Papa una pecisazione.

“Tutto quello che ho detto, con altre parole perché ho parlato ‘a braccio’, è nella Amoris Laetitia, tutto, quando si parla dell’unione dell’uomo e della donna come li ha fatto Dio”: così poi papa Francesco ha risposto su come le parole da lui dette ieri sul divorzio, che “sporca l’immagine di Dio”, si conciliassero con la sua linea più morbida verso le coppie ‘ferite’.

Il matrimonio è un’immagine di Dio

“L’immagine di Dio è l’uomo con la donna – ha spiegato -, insieme, che sono una sola carne quando si uniscono nel matrimonio. Questa è la verità”. “È vero – ha poi aggiunto – che in questa nostra cultura i conflitti e tanti problemi non ben gestiti, e anche la filosofia per cui faccio, questo, poi cambio e ne faccio un altro, ne faccio un terzo, poi ne faccio un quarto, è questa la guerra mondiale contro il matrimonio, e dobbiamo essere attenti a non far entrare queste idee”. “Ma prima – ha sottolineato – il matrimonio è Immagine di Dio, di uomo e donna in una sola carne. Quando si distrugge questo, si sporca o si sfigura l’immagine di Dio”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto