Malinconia post vacanze: aiutano i nuovi obiettivi e qualche pranzo con i colleghi

Scarsa energia, ansia, mancanza di concentrazione e una sensazione generale di infelicità. Se oggi, al rientro al lavoro, si avvertono questi sintomi niente paura: è tutto parte del “post-holiday blues”, quella malinconia successiva alla vacanza. Per contrastarlo è meglio fare leva sui punti di forza: ad esempio il fatto che si è più creativi, che la mente dopo le ferie è più “fresca” per trovare soluzioni. Se si può, è il momento adatto per nuovi progetti di lavoro o per esplorare modi per svolgere le attività in modo più efficiente.

Concedersi tempo

È importante anche ritrovare un legame con i colleghi, magari lavorando insieme a qualcosa o scegliendo un nuovo posto in cui andare a pranzo. Altra regola è pensare al proprio benessere, concedersi tempo, che sia una passeggiata nella natura da programmare con gli amici o una sessione di allenamento. Questi i consigli indicati su Forbes da Franziska Alesso-Bendisch, fondatrice di Well Work Solutions, società di consulenza sulle performance e il benessere sul posto di lavoro.

“Angoscia di breve durata”

“Fortunatamente”, spiega l’esperta, “l’angoscia post-ferie è in genere di breve durata e seguita dall’eccitazione di pianificare un’altra vacanza o un break imminente”. Nel frattempo, nelle giornate più critiche, è importante anche focalizzassi sul perché si sta tornando al lavoro. Qual è lo scopo? Proprio il rientro è un’occasione per fare ulteriormente chiarezza. Infine, inutile soffermarsi su quanto sarebbe meglio essere ancora in vacanza: meglio accettare che sia finita e che sia stata frutto di ricordi meravigliosi. “Concentrandosi sugli obiettivi di carriera presenti e futuri”, è la conclusione, “si vivrà nel presente e non nel passato”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto