Lotta ai danni di una vita sedentaria: basta muoversi per 3 minuti ogni 30

Ogni 30 minuti, ci si deve muovere per 3 camminando oppure facendo piccoli esercizi come contrazioni dei glutei, piccoli piegamenti, o camminare sugli avampiedi. Così si migliorano metabolismo e salute combattendo picchi di glicemia e malati di diabete di tipo 2, secondo uno studio australiano pubblicato su Diabetes care.

aaasesti

Glicemia giù del 30%

A questo nuovo risultati si è giunti analizzato 24 adulti non attivi, diabetici, età media 62 anni, suddivisi in 3 gruppi e il risultato è stato una riduzione della glicemia del 39%. “I piccoli gesti quotidiani fanno parte di un importante filone di suggerimenti per la prevenzione del diabete”, commenta Giorgio Sesti (nella foto sopra), presidente Sid (Società italiana di diabetologia), “e non occorre andare in palestra o svolgere un esercizio fisico più pesante”.

Il medico: “Bene anche per altri problemi”

“L’attività fisica previene non solo il diabete”, ha aggiunto il medico, “ma riduce i trigliceridi, l’infiammazione, nemica della glicemia e dell’apparato cardiovascolare, il rischio cardiovascolare stesso. E fa aumentare il colesterolo buono. Per non parlare dei benefici per le patologie osteoarticolari, poiché stimola l’osso e previene anche l’osteoporosi”.

Zuccheri nel sangue delle donne in menopausa

Basta poco nelle donne in menopausa, in sovrappeso e a rischio diabete per migliorare il metabolismo del glucosio e ridurre gli zuccheri nel sangue: è sufficiente alzarsi regolarmente. Lo sostiene un altro studio britannico del Diabetes Research Centre della University of Leicester nel Regno Unito pubblicato su Diabetes Care e coordinato da Joseph Henson.

Picchi glicemici inferiori in cui fa qualcosa

Ventidue le donne del campione. A una parte di loro è stato chiesto di rimanere sedute per 7 ore e mezzo consecutive mentre all’altra di alzarsi con 5 minuti ogni 30 oppure con la stessa frequenza di camminare su un tapis roulant. Dall’esame del sangue, è risultato che il secondo gruppo di donne aveva dopo pranzo un picco glicemico inferiore del 34% in chi si alza e del 28% in cui va sul tapis roulant. Nessuna differenza tra l’alzarsi e fare qualche passo.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto