“Dedichiamo a Proietti il teatro Brancaccio”: proposta di Tullio Solenghi

È morto Gigi Proietti. Avrebbe compiuto oggi 80 anni. Ricoverato da giorni in una clinica romana per accertamenti, era stato colpito ieri da un grave scompenso cardiaco. Da subito le sue condizioni erano apparse molto serie. In una carriera lunga oltre 50 anni ha spaziato dal cinema al teatro. Memorabile il successo teatrale di “A me gli occhi, please”.
“Nelle prime ore del mattino – spiega la famiglia – è venuto a mancare all’affetto della sua famiglia Gigi Proietti. Ne danno l’annuncio Sagitta, Susanna e Carlotta. Nelle prossime ore daremo comunicazione delle esequie”.

I familiari avevano attesi in clinica trepidanti che migliorasse. Invece è accaduto il contrario…

La prima proposta in onore di Proietti è arriva dall’attore Tullio Solenghi, che ha proposto di dedicargli il teatro Brancaccio di Roma.

 

Ieri sera le prime notizie allarmanti

Grande preoccupazione per Gigi Proietti. Il grande attore è ricoverato da giorni in una clinica romana per problemi cardiaci (non legati alla pandemia di coronavirus, a quanto si sa) e oggi le sue condizioni si sono aggravate.

È in terapia intensiva e accanto a lui ci sono la moglie e le due figlie. Già in passato il cuore gli aveva dato problemi: nel 2010 era stato ricoverato all’ospedale San Pietro di Roma per una forte tachicardia, poi fortunatamente superata. Comico, cabarettista, doppiatore, conduttore televisivo, regista, cantante, direttore artistico: la carriera di Gigi Proietti è stata poliedrica e ha toccato vari fronti del mondo dello spettacolo. Nella giornata di oggi, lunedì 2 novembre, Proietti compie 80 anni.

 

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto