Stangata su gas e luce: al via gli aumenti, fino a 552 euro in più all’anno

Scatta a partire da oggi, lunedì 1° ottobre, la stangata sulle bollette gas e luce, come annunciato qualche giorno fa dall’Autorità di regolazione per l’Energia, Reti e Ambiente. Pur in presenza del blocco degli oneri generali elettrici, l’autorità per l’energia (Arera) ha annunciato che la spesa per l’energia per la famiglia tipo in tutela registrerà un incremento del 7,6% per l’energia elettrica (+1,5 cent€/kWh) e del 6,1% per il gas naturale (+4,78cent€/Smc) rispetto alla spesa del terzo trimestre.

Gli esborsi per le famiglie

Secondo l’Arera, per l’elettricità la spesa (al lordo tasse) per la famiglia-tipo nell’anno scorrevole (compreso tra il 1° gennaio 2018 e il 31 dicembre 2018) sarà di 552 euro, con una variazione del +6,1% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente (1° gennaio 2017 – 31 dicembre 2017), corrispondente a un aumento di circa 32 euro/anno. Nello stesso periodo la spesa della famiglia tipo per la bolletta gas sarà di circa 1.096 euro, con una variazione del +5,9% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente (1° gennaio 2017 – 31 dicembre 2017), corrispondente a circa 61 euro/anno.

Le ragioni dell’aumento

La decisione, ha spiegato l’Arera, è stata dettata dall'”eccezionale situazione di tensione nei mercati energetici in Europa”, determinata da diversi fattori, tra cui “le sostenute quotazioni internazionali delle materie prime energetiche (i prezzi di riferimento per l’Europa del gas naturale e del carbone risultano in aumento del 13% e del 12%); l’aumento dei prezzi del gas trasportato via mare (Gnl) sui mercati asiatici che limita in prospettiva l’offerta di gas naturale disponibile per l’Europa; la crescita senza precedenti del prezzo dei permessi di emissione di anidride carbonica (CO2, +29% negli ultimi tre mesi rispetto al trimestre precedente), e l’incertezza legata allo stop totale o parziale di 22 reattori nucleari su 58 in Francia, per manutenzione o limitazioni nell’uso dell’acqua per la refrigerazione degli impianti a causa delle elevate temperature estive”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto