Movimenti in contanti: da oggi controlli sopra i 10.000 euro

Partono oggi i controlli sull’utilizzo anomalo dei contanti: il “campanello d’allarme” suonerà in caso di movimentazioni, fra prelievi e versamenti, superiori ai 10.000 euro in un mese. Sarà poi l’Uif, l’Unità di informazione finanziaria istituita presso la Banca d’Italia, a poter richiedere formalmente agli intermediari finanziari l’invio delle comunicazioni per effettuare le verifiche.

Riguarda banche, poste e istituti di pagamento

Stretta, insomma, su prelievi e versamenti anomali di contanti. La misura, prevista dalla riforma del 2017, che ne ha fissato l’inizio in questo mese, prevede l’invio delle comunicazioni su prelievi e versamenti presso banche, poste e istituti di pagamento. Lo scorso luglio, infatti, la Commissione Europea ha pubblicato 4 rapporti sul sistema antiriciclaggio europeo, accompagnati da una “comunicazione” al consiglio e al parlamento che ne compendia le principali conclusioni.

La linea europea

Nei rapporti, si sottolinea la necessità di attuare pienamente, in tutti gli Stati membri, le norme introdotte con la quarta e la quinta Direttiva antiriciclaggio, colmando le carenze ancora presenti nell’Unione e promuovendo maggiore uniformità. Il rapporto esamina casi di alcune banche europee nei quali sono emerse carenze nell’organizzazione e nei meccanismi interni di compliance e differenze nella tempestività e nell’efficacia delle azioni di vigilanza.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto