Adriana Signorelli uccisa dal marito lo aveva denunciato per aggressione

Adriana Signorelli, 59 anni, la donna trovata morta accoltellata nella notte tra sabato e domenica nella sua abitazione a Milano, omicidio per cui è stato fermato il marito Aurelio Galluccio (entrambi nella foto in apertura di pagina), aveva già denunciato un’ennesima aggressione da parte dell’uomo, attivando quindi il Codice rosso nella notte tra il 27 e il 28 agosto scorso.

Aveva detto che andava della figlia

La donna era infatti stata sentita dalla Polizia giudiziaria e le era stato consigliato di cambiare casa, cosa che lei aveva assicurato con la promessa, non mantenuta, che sarebbe andata a vivere dalla figlia per qualche giorno.

 

Il Procuratore capo: difficile gestire il Codice rosso

Il procuratore di Milano Francesco Greco, parlando con ii cronisti dell’ennesimo femminicidio, si è espresso sulla nuova legge a tutela delle vittime di violenza domestica e di genere: “Qua nessuno vuole contestare il Codice rosso, dico che sta diventando un problema a livello pratico, il problema è come gestirlo, già ora ci sono 30 allarmi al giorno (ossia denunce o segnalazioni in Procura, ndr) e ciò ci impedisce di estrapolare i casi più gravi”.

 

Omicidio aggravato: le prime notizie

È stato fermato con l’accusa di omicidio aggravato Aurelio Galluccio, 65 anni, marito di Adriana Signorelli, trovata uccisa con alcune coltellate nella sua abitazione di via san Giacomo alla periferia di Milano.

L’uomo era già stato arrestato per aver cercato di investire gli agenti della Questura intervenuti sul posto. Il fermo è stato disposto dal pm Monia Di Marco, dopo le indagini degli agenti della Squadra Mobile.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto