2 AGOSTO a Bologna: la città non dimentica la strage

Ci sarà il ministro della giustizia Alfonso Bonafede a rappresentare il governo alla commemorazione del trentanovesimo anniversario della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980. Oggi al guardasigilli andrà il compito di parlare nel capoluogo emiliano dove è fitto il programma delle manifestazioni previste a partire dal primo mattino.

Alle 8,30, in Comune, l’incontro tra i familiari delle vittime, il sindaco Virginio Merola e il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, che sarà alle celebrazioni per il secondo anno consecutivo e parlerà a Palazzo d’Accursio.

Presente anche la vicepresidente della Camera Maria Elena Spadoni. Alle 9,15 da piazza del Nettuno partirà il corteo verso piazza Medaglie d’Oro. Qui parleranno dalle 10,10 Paolo Bolognesi, presidente dell’associazione delle vittime della strage, e il sindaco Virginio Merola. Quindi, il minuto di silenzio e la deposizione delle corone al primo binario.

 Le staffette podistiche

Dalle 6.30 alle 8.30, infatti, al Parco della Montagnola (Piazza VIII Agosto) arrivano da tutta Italia delle staffette podistiche “Per non dimenticare” mentre dalle 8 alle 14, alla Stazione Centrale, sarà attivo, come ogni anno, lo stand di Poste Italiane dove si trovano gli oggetti commemorativi e l’annullo filatelico speciale. Il cuore della giornata, però, avviene altrove.

L’incontro il Comune

Dalle 8.15, nella Sala Rossa di Palazzo d’Accursio, sede del Comune, c’è l’incontro con i familiari delle vittime della strage del 2 agosto mentre 15 minuti più tardi, nella sala del consiglio, si presentano le autorità e i rappresentanti delle città, degli enti e delle associazioni aderenti alla manifestazione. Un’ora più tardi si entra nel vivo.

Nel piazzale della stazione

A partire dalle 9.15. nella centralissima Piazza Nettuno, c’è concentramento con i gonfaloni delle città e partenza del corteo lungo via dell’Indipendenza per arrivare, verso le 10-10, in piazza delle Medaglie d’Oro, dove prenderà la parola Paolo Bolognesi, presidente dell’associazione vittime. Seguono un minuto di silenzio in memoria delle vittime e l’intervento del sindaco, Virginio Merola.

Per l’Italicus e il Rapido 904

Quindi, alle 10.50, sul primo binario della stazione di Bologna è prevista la deposizione di corone al cippo che ricorda il sacrificio del ferroviere Silver Sirotti deceduto nella strage del treno Italicus, Ancora a proposito dell’Italicus, strage avvenuta il 4 agosto 1974, dal piazzale partenza del treno straordinario per San Benedetto Val di Sambro, dove è fissata la deposizione di corone alle lapidi che ricordano le vittime anche del Rapido 904 Napoli- Milano, esploso il 23 dicembre 1984.

Il concerto serate

Infine, tra le manifestazioni principali, alle 21.15, in Piazza Maggiore, si dà spazio al Concorso Internazionale di Composizione 2 agosto, giunto alla venticinquesima edizione, dedicato a partiture per orchestra e musica elettronica. Di fronte alla basilica di San Petronio, vengono eseguito i 3 brani vincitori del concorso internazionale e si esibisce l’orchestra del Teatro Comunale di Bologna, diretta da Yoichi Sugiyama. A seguire. Mario Pilati, A sera, poemetto lirico per voci femminili e pianoforte a quattro mani; Ildebrando Pizzetti dalla Messa da Requiem, Agnus Dei e Libera me per coro misto a cappella Coro del Teatro Comunale di Bologna, Direttore Alberto Malazzi. Il concerto sarà trasmesso in diretta da Rai Radio 3 e domenica 11 agosto su RAI 5 alle ore 22.05.

Il documentario

Al termine proiezione del docufilm “Cantiere 2 agosto. Narrazione di una strage” (nel video sopra) sottotitolato in inglese grazie alla collaborazione dell’Associazione tra i famigliari del 2 agosto con il Vassar College di Poughkeepsie (New York).

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto