Omicidio di Angelo Vassallo, sindaco di Pollica: indagato ex brigadiere dei carabinieri

Un oscuro omicidio avvenuto nel 2010 è forse a una svolta. Infatti, il brigadiere dei carabinieri in congedo Lazzaro Cioffi, in carcere da alcuni mesi per presunti rapporti con un boss del narcotraffico in provincia di Napoli, è indagato anche nell’inchiesta sull’omicidio del sindaco di Pollica, Angelo Vassallo (nella foto), avvenuto nel 2010.

Concorso in omicidio volontario

Per Cioffi l’ipotesi formulata dalla procura di Salerno è di concorso in omicidio volontario. Il nome di Cioffi era già spuntato negli atti di indagine sull’omicidio di Vassallo: un testimone riferì della sua presunta presenza in zona nei giorni dell’omicidio ma tale circostanza non ebbe riscontri.

Vittima della lotta allo spaccio

Secondo questa pista il sindaco sarebbe stato ucciso per il suo impegno nella lotta allo spaccio e per aver scoperto un giro di droga sulla costa cilentana. Il 14 giugno Cioffi è stato interrogato dal pm Colamonici sull’accusa di concorso in omicidio: si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto