Ritirato ragù Barilla: sedano e latte assenti dall’etichetta

Mancano due ingredienti da quelli indicati nell’etichetta, il latte e il sedano, che possono provocare allergie. Per questo il Ragù Contadino con vino rosso a marchio Barilla è stato ritirato dalla stessa azienda di Parma. Il lotto per il quale si sta procedendo è contrassegnato dal codice 666136704 mentre la data di scadenza, leggibile sul tappo, è il 18 giugno 2016.

Il ragù già tolto dagli scaffali della Coop

Dai banchi dei supermarcati, per il momento il prodotto, nel formato da 400 grammi, è sparito dalla Coop che, in una nota, fa sapere che “Barilla precauzionalmente ha già attivato le procedure di ritiro del prodotto dalla vendita. Invitiamo i consumatori allergici a sedano o latte che lo avessero acquistato a non utilizzare il prodotto e a contattare il Numero Verde Barilla 800862323 per qualunque informazione si rendesse necessaria”.

Allergia da sedano: i sintomi

Ma quali possono essere i sintomi derivanti da allergie ai due ingredienti incriminati? Per quanto riguarda il sedano, si tratta di eruzioni cutanee, difficoltà respiratorie, abbassamento della pressione del sangue, disturbi gastro-intestinali e, nelle forme di allargia più acuta, l’anafilassi, che rappresenta anche la manifestazione più pericolosa, per quanto più rara. E i sintomi pososono manifestarsi in un arco di tempo che varia, a seconda dell’organismo, da qualche minuto a cinque giorni.

Latte: problemi soprattutto per i bambini

In merito invece al latte, l’allergia si manifesta con sintomi simili a quelli del sedano, per quanto l’anafilassi sia meno frequente. Più diffusa nei bambini che negli adulti, la manifestazione dei sintimi è più rapida perché va dai pochi minuti dopo l’ingestione alle poche ore. Nel caso ci si trovi con problemi del genere, raccomandano gli esperti, è consigliabile rivolgersi al medico che può prescrivere antistaminici. Nel caso invece di difficoltà respiratorie di una certa rilevanza e di reazione anafilattica, è necessario ricorrere alle cure del pronto soccorso.

Miele Ambrosoli: ritirato per presenza di antibiotici

Il caso del ragù Barilla è il secondo di ritiro nel giro di pochi giorni. Poco prima, infatti, era toccato al Miele Ambrosoli. Dopo un controllo dell’Asl del Veneto, era stata riscontrata una percentuale di antibiotici non compatibile con quanto la legge prescrive per la commercializzazione degli alimenti. Così, ritenuto nocivo, il prodotto – in questo caso la confezione da 250 grammi con codice M0509 distribuito a partire dai mesi di giugno e luglio 2014 e con scadenza del maggio 2017 – è stato tolto dagli scaffali.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto