Salute articoli

Usa: medici provano a modificare il Dna di un paziente, fra 3 mesi i risultati

Usa: medici provano a modificare il Dna di un paziente, fra 3 mesi i risultati

Un’equipe di scienziati americani ha reso noto di avere provato per la prima volta a modificare i geni di una persona direttamente all’interno del suo corpo per cambiarne il Dna in modo permanente con l’obiettivo di curare una malattia. L’esperimento è stato realizzato lunedì 13 novembre ad Oakland (California) su Brian Madeux, 44 anni e

Brescia: lo studente di 22 anni non è morto di meningite

Non sarebbe stato un attacco di meningite la causa della morte dello studente di ingegneria di 22 anni, deceduto l’8 novembre agli Spedali civili di Brescia. Gli accertamenti in corso, infatti, non avrebbe confermato la presenza della malattia. Si indaga ulterirmente per comprendere le cause della morte del giovane. La morte l’8 novembre Uno studente

Influenza: “La più cattiva degli ultimi 10 anni”, al via i vaccini per gli over 65

L’influenza della stagione 2017-2018 ha già messo a letto 80.000 persone (sono attesi tra i 4 e i 4 milioni e mezzo di casi nel corso dell’inverno) e sarà, secondo le previsioni degli esperti, di “media intensità”, simile a quella del 2016. Ma “più cattiva” nei momenti di punta. Il focus sulla polmonite A partire

Rozzano: muore di meningite una bambina di 6 anni, i genitori ritirano i figli

Una bambina di sei anni è morta giovedì sera per una meningite all’ospedale Giovanni XXIII di Bergamo. La piccola viveva e frequentava la prima elementare a Rozzano (Milano). Si trovava in vacanza in Val Seriana. Vana la corsa in elicottero È stata portata con l’elisoccorso già intubata in ospedale, è andata in arresto cardiaco e

“Preveniamo il diabete”: 3 decaloghi per difendersi in tempo e meglio

Il diabete  è una malattia “silenziosa” e insidiosa. Una delle armi per combatterlo è l’individuazione dei soggetti a rischio prima che nasca. Sono a rischio le persone che presentano una glicemia a livelli superiori alla norma, in sovrappeso, sedentarie, che hanno avuto in famiglia casi di diabete e di età in genere superiore ai 45

I cardiologi confermano: “Caffè e cioccolato fondente difendono il cuore”

“Quattro o cinque tazzine di caffè al giorno, anche decaffeinato, riducono la mortalità cardiovascolare in follow up che vanno da 10 a 18 anni. A lungo termine, bere caffè ha un effetto positivo”. Analoghi effetti positivi sulla salute del cuore, seppur di più lieve entità, si riconducono all’assunzione di cioccolato fondente all’85-90%. Il focus sulla

Weinstein è dipendente dal sesso? Gli esperti: “La sindrome non esiste”

Niente scuse per Harvey Weinstein e gli altri “molestator”‘ illustri, le cui storie stanno venendo alla luce quasi quotidianamente dopo le denunce a cascata contro il produttore cinematografico di Hollywood. Gli psicologi americani hanno pochi dubbi. La sindrome da “dipendenza da sesso”, attribuita quasi all’unanimità come scusa dei loro comportamenti, compreso quello del potente produttore

Alto