Cronaca nera articoli

Uccise madre e sorella: l’ex promessa del calcio è incapace di intendere e volere

Uccise madre e sorella: l’ex promessa del calcio è incapace di intendere e volere

L’11 luglio uccise nella sua casa a Parma la madre di 43 anni e la sorella di 11. Ora il consulente della procura lo dichiara incapace di intendere e volere, ma anche socialmente pericoloso. È il responso della consulenza psichiatrica su Solomon Nyantaky, ex promessa del calcio di 21 anni accusato del duplice omicidio. A

Montelupo: diciassettenne ferita in un parco, si era lasciata col fidanzato

Giallo in provincia di Firenze (almeno per ora). Una diciassettenne è stata trovata in un parco di Montelupo Fiorentino in una pozza di sangue e ferita alla testa: le sue condizioni sono gravi, ma la diciassettenne – a quanto si sa – è in grado di parlare. La ragazza è stata ricoverata all’ospedale Careggi di

Karate, diventano 7 le minori nella rete del maestro di Lonato del Garda

Un’altra ragazza ha denunciato ieri sera alla Procura di Brescia Carmelo Cipriano, il maestro di karate di 43 anni arrestato con l’accusa di aver costretto le sue allieve minorenni ad avere rapporti con lui nella palestra di cui è proprietario a Lonato del Garda, nel Bresciano. La ragazza, la settima a denunciare il maestro di

Milano, punta una pistola alla tempia della ex: “Ti uccido”, arrestato

Prima le minacce, in crescendo, e poi è riuscito a entrare nella casa della ex, alla periferia di Milano, nascondendosi sotto il letto. Qui ha aspettato che la donna rincasasse e l’ha aggredita puntandole una pistola alla tempia. L’ha anche costretta a stare in ginocchio per un’ora, impedendole di muoversi e assicurandole che l’avrebbe uccisa.

Asti: operaio uccide a coltellate la moglie di 42 anni e si costituisce ai carabinieri

Una donna di origini marocchine, 42 anni, è stata uccisa a coltellate nella sua abitazione, ad Asti, al secondo piano di una palazzina di via Montebruno. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, avvisati dai vicini di casa che poco prima avevano udito delle urla. Lite degenerata Pare che la donna, poco prima, stesse litigando col

Palermo: ucciso un uomo, ferito gravemente il fratello, fermata una ventenne

Due fratelli, Leonardo, 37 anni, e Giuseppe Bua, 40 anni, sono stati affrontati nel pomeriggio di ieri, in piazzetta Caruso a Palermo, davanti casa, da una persona che poi ha sparato diversi colpi di pistola uccidendo il primo e ferendo gravemente il secondo, che è stato trasportato nell’ospedale Villa Sofia dove si trova in Rianimazione.

Stupri di Rimini, picchiato il quindicenne in cella, 30.000 euro alle vittime

C’è un’altra pessima novità nelle vicenda, già orrenda, degli stupri di Rimini. Il quindicenne marocchino, che faceva parte della “banda” degli stupratori, rinchiuso nelle celle del carcere minorile del Pratelli, è stato picchiato appena uscito dall’isolamento. La Procura, guidata da Silvia Marzocchi, ha aperto un fascicolo per capire cosa è successo. Il ragazzo ha cercato

Alto