Archivi dell'autore: Silvia Garambois

I 70 anni di Kabir Bedi: da Sandokan a Hollywood, è l’attore indiano più amato

I 70 anni di Kabir Bedi: da Sandokan a Hollywood, è l’attore indiano più amato

No, non è nostalgia. “Sandokan” era davvero “una grande produzione, coraggiosa, realistica”, come ha detto Stefano Sollima, il figlio di Sergio (scomparso lo scorso luglio), e a cui il RomaFictionFest ha reso un doveroso omaggio. In quell’avventura televisiva, in una Malesia nata dai sogni, c’era tutto suo padre: anche l’uomo di sinistra, con quel Sandokan

“Uno per tutti”: da oggi al cinema il noir di Calopresti con Panariello (trailer)

Un noir raccontato con gli occhi di un figlio. “Uno per tutti”, da oggi – giovedì 26 novembre – nelle sale, è un film che – tra accoltellamenti, roulette russa, prigioni e solidarietà – obbliga a ragionare con occhi aperti sul rapporto genitori-figli (“In realtà non li guardiamo, e non ci guardano”, dice il regista

La vera storia di Lea Garofalo: stasera la prima su Rai1 (il film di Giordana)

Il RomaFictionFest si è aperto la settimana scorsa con il film di Marco Tullio Giordana “Lea”, una storia di mafia: ispirato alla storia vera di Lea Garofalo, collaboratrice di giustizia che accusò il suo stesso marito e la sua cosca calabrese, e che dal marito venne fatta “sparire”, il 24 novembre del 2009. E stasera,

The last Panthers: un grande thriller alle 21 su Sky, supercast e musica di Bowie

Arriva stasera su Sky Atlantic “L’ultima Pantera” (The last Panthers), il thriller “europeo” che non solo ambienta la serie nelle maggiori capitali del Vecchio Continente, da Londra a Parigi a Belgrado, dalla Germania all’Irlanda all’Austria, ma riunisce un super-cast altrettanto internazionale (l’inglese Samantha Morton, due volte candidata all’Oscar, il francese Tahar Rahim, vincitore di due

Trepalium, l’incubo del Job’s act di fine secolo a Roma FictionFest

L’incubo del Job’s Act di fine secolo: il trionfo della disoccupazione. Al RomaFictionFest è andato in onda in anteprima assoluta “Trepalium”, storia in cui il lavoro è privilegio per pochi eletti e il Medioevo prossimo venturo attanaglia il resto del mondo. Telefilm francese, prodotto dalla raffinata Arté (e ancora inedito anche in Francia), è “ispirato

Pier Paolo Pasolini: Una morte violenta, diario di una cronista d’assalto (video)

Servono gli anniversari, per ricordare. Anche l’anniversario di una morte violenta, come quella di PPP, Pier Paolo Pasolini: il web, le edicole, le librerie, la tv ricuciono la memoria sullo scrittore, il regista, il poeta, l’uomo fuori dal comune, che sapeva guardare quello che gli altri distrattamente appena vedevano, e prevedere quello che gli altri

Alto