Dializzato si innamora della sua infermiera: lei gli dona un rene e poi si sposano

La condanna alla dialisi permanente gli ha prima regalato la speranza di uscire da quella “prigionia”, poi una storia d’amore coronata nel matrimonio. È la storia, raccontata dal quotidiano La Nazione, di un paziente in attesa di trapianto e della sua infermiera diventata prima samaritana (lei gli ha donato un rene) e poi sua moglie. Protagonisti Giacomo Schinasi, responsabile amministrativo della comunità ebraica pisana, e Cinzia Stracquadaini, l’infermiera, piemontese di origine, conosciuta 5 anni fa in corsia e domenica divenuta sua moglie dopo una cerimonia con rito civile celebrata in Comune a Pisa.

L’amore sbocciato in corsia

L’insufficienza renale di Giacomo lo costringe a tre sedute la settimana di dialisi e nel reparto ospedaliero incontra Cinzia: tra i due sboccia l’amore e nel 2014 lei decide di donargli un rene dopo avere scoperto di essere un donatore compatibile al 99%. L’amore si rafforza ulteriormente e la coppia domenica si è sposata nonostante il destino abbia voluto comunque provare a mettersi di traverso. Un anno dopo il trapianto infatti Giacomo ha subito una crisi di rigetto e tuttora è di nuovo costretto a sottoporsi a dialisi in attesa di un nuovo trapianto.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto